Padoan scrive a Bruxelles per chiedere lo "sconto" nella prossima Manovra

ALLLA CATENA DI MONTAGGIO DI UNA CASA AUTOMOBILISTICA WARNING AVAILABLE ONLY FOR ITALIAN MARKET Italy

ALLLA CATENA DI MONTAGGIO DI UNA CASA AUTOMOBILISTICA WARNING AVAILABLE ONLY FOR ITALIAN MARKET Italy

L'accordo di principio, ha detto la commissaria, "è un passo avanti positivo per l'istituto e per il settore bancario italiano".

Sul contenuto della lettera di Padoan "non abbiamo commenti", ha spiegato la portavoce della Commissione, sottolineando il "dialogo stretto e costruttivo con le autorità italiane", che continuerà nelle prossime settimane.

Le regole comunitarie consentono a un governo di aiutare finanziariamente una banca in crisi.

Sul deficit il Mef mette in risalto che "tra il 2009 - il primo anno in cui il prodotto dell'area dell'euro si è contratto - e il 2016 l'Italia ha mantenuto un disavanzo pari in media al 3,3 per cento; nel periodo solo sei paesi dell'Eurozona hanno prodotto un disavanzo in media inferiore alla soglia del 3 per cento". Per chi nella vita ha sempre associato agli incarichi negli organismi internazionali - Ocse, Banca Mondiale - all'impegno politico - consigliere economico nei governi di Giuliano Amato e Massimo D'Alema e presidente della Fondazione Italiani Europei -, sentirsi dire che la politica economica è questione tecnica deve fare un certo effetto.

Azionisti e obbligazionisti non privilegiati saranno chiamati a partecipare alla ristrutturazione, subendo perdite. I depositanti come è noto sono invece protetti. Gli obbligazionisti non privilegiati a cui sono stati venduti dei titoli con un raggiro (misselling) potranno essere rimborsati. Queste verranno poi riacquistate da Mps, versando al risparmiatore bond senior.

E intanto, mentre MPS conferma al 31/3 l'avvenuto riequilibrio gestionale, senza ancora contabilizzare le entrate per 500 milioni connesse alla vendita delle "Carte di Credito" a ICBPI, si penalizzano gli azionisti esistenti, tuttora proprietari di un patrimonio netto certificato di circa 6 miliardi, proveniente da recenti aumenti di capitale, attribuendo loro un valore svalutato dei oltre il 90%, ulteriormente più che dimezzato da una diluizione ingiustificata in favore dello Stato.

L'accordo, indica la Commissione europea, "è condizionato alla conferma parallela da parte della Bce che Mps è solvente e soddisfa i requisiti di capitale sull'ottenimento dell'Italia della conferma formale sulla base delle regole sugli aiuti di Stato".

Resta ora da vedere in quale modo l'Europa deciderà di risolvere il problema della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca. "Quello delle banche venete è un caso diverso da Mps - sostiene Padoan -; continuiamo a lavorare, e la ricapitalizzazione precauzionale è fra le opzioni".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.