Dl vaccini in aula alla Camera da mercoledì 26

Vaccini, free vax manifestano davanti al Senato

Vaccini, free vax manifestano davanti al Senato

Grasso dice in aula che "dopo aver sentito le posizioni dei gruppi, in attesa della relazione tecnica senza la quale la commissione Bilancio non può dare il suo parere- osserva- si può andare avanti con il resto del provvedimento". In totale sono stati approvati 32 emendamenti presentati sia dalla maggioranza che dall'opposizione. Un decreto che "esce dal Senato cambiato, ma non depotenziato", commenta il ministro Beatrice Lorenzin, che mostra soddisfazione: "Resta l'obbligatorietà delle vaccinazioni, restano le sanzioni e si aggiunge un richiamo attivo nei confronti dei genitori". Novità importanti sull'accesso all'asilo dei bambini non vaccinati e sulla possibilità di prenotare i vaccini in farmacia.

Con 171 voti favorevoli, 64 contrari e 19 astenuti, il Senato ha approvato il decreto legge che introduce l'obbligo di vaccinarsi per l'iscrizione a scuola. I vaccini inseriti nel decreto sono dunque 14, ma solo 10 di essi risultano obbligatori.

In entrambi i casi, ad ogni modo, la mancata vaccinazione comporta una sanzione pecuniaria che va da un minimo 100 e al massimo 500 euro. Le quattro vaccinazioni "ad offerta attiva e gratuita" sono: anti meningococco B e C, anti pneumococco e anti rotavirus.

Le sanzioni. Per i genitori che non vaccinano i figli, ci saranno sanzioni più basse.

La novità introdotta all'art. 'Sono molto soddisfatta del voto di oggi al Senato sul cosiddetto 'decreto Vaccini'.

I vaccini obbligatori saranno quelli contro: polio, difterite, tetano, epatite B, pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, parotite, rosolia e varicella. Il testo originario dell'emendamento prevedeva infatti la possibilità di somministrazione dei vaccini nelle farmacie dietro assistenza di personale medico infermieristico.

Infine, il ministero della Salute dovrà istituire un'anagrafe vaccinale nazionale.

Domani inoltre l'associazione presenterà un ricorso al Capo dello Stato perché il Parlamento ho avuto 16 giorni in meno per esaminare il decreto legge sui vaccini, determinando così un chiaro conflitto di attribuzioni tra Parlamento e Governo con una lesione delle prerogative dei parlamentari. Un esempio su tutti: il morbillo che dall'inizio del 2017 ha fatto contare 3.676 contagi e 3 vittime.

A supporto della tesi del Veneto, il Governatore ha anche ricordato che "con una recente delibera di organizzazione delle attività vaccinali abbiamo previsto l'esclusione di un bimbo non vaccinato in quelle strutture nelle quali la copertura minima di sicurezza non sia raggiunta (la cosiddetta "copertura di gregge"), tutelando così come e meglio dell'obbligo gli interessi di salute della collettività".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.