Roma-Atletico Madrid, Di Francesco: "Sarà una vera battaglia" 161 11-09

Monchi: “Calcio italiano simile a quello spagnolo, dopo i sorteggi sappiamo che Chelsea e Atletico sono favorite”

Monchi: “Calcio italiano simile a quello spagnolo, dopo i sorteggi sappiamo che Chelsea e Atletico sono favorite”

Ecco le parole dell'allenatore della Roma in conferenza stampa. La Roma ha una squadra forte, che prova a fare un bel gioco. Ci dovremo anche un po' adeguare a loro. Voglio vedere una squadra determinata, perché sarà una battaglia di quelle vere. Infine, nel gruppo H, altro big match infuocato con tre delle quattro squadre presenti candidate al passaggio del turno. Magari meno estetica ma molto pratica però raggiungendo sempre l'obiettivo, non ci si arriva per caso, significa che c'è un lavoro importante alle spalle.

Sulle due finali di Champions perse come possibile blocco psicologico. Sappiamo di affrontare una squadra con determinate caratteristiche. "Prima o poi arriverà la vittoria". Sono stato fuori due anni con l'infortunio grave. Cerchiamo di facendo parlare bene di noi già domani, facendo una grande partita.

"Chi ben comincia è a metà dell'opera", monito adatto per la squadra della capitale in virtù della gara di domani. "Per il resto sono soddisfatto che si sia fatto meno male del previsto". "Dobbiamo solo pensare a fare il nostro gioco". Dobbiamo sempre essere compatti e corti, sia in fase difensiva che offensiva. "La sconfitta contro il Porto è stata importante, perché giocare queste partite per un calciatore è la cosa più bella".

La sua condizione è buona, ha avuto qualche problemino muscolare ma adesso sta trovando continuità. "Giocando daremo risposta a questa domanda". L'Atletico Madrid ha una sua identità, sa quello che vuole. Potrebbe essere un aiuto per domani, ma non per il campionato.

I giallorossi non hanno giocato questo week end per via dell'allarme maltempo a Genova - da calendario c'era la gara contro la Sampdoria al Ferraris.

Di Francesco poi, pur senza sbottonarsi, svela di aver studiato il modo per fermare la squadra spagnola: "Non posso dirlo pubblicamente, ma abbiamo pensato a qualcosa per metterlo in difficoltà". Ci dobbiamo mettere al loro pari, altrimenti non possiamo competere. Noi abbiamo bisogno di questi giocatori, confido molto in loro. Le scelte le tengo mie. "È complicato rientrare dopo due anni, forse è cambiato qualcosa in me e nel mio gioco, sicuramente mi devo preparare bene per giocare e allenarmi, fisicamente sto bene, lo scorso anno ho giocato più di 50 partite, ma quando sono stanco sbaglio le cose troppo facili e in questo devo ancora migliorare".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.