Un Nobel contro l'atomica

Domani il Nobel per la Pace ecco tutti i papabili   
                       
                
         Oggi alle 14:40- ultimo aggiornamento all

Domani il Nobel per la Pace ecco tutti i papabili Oggi alle 14:40- ultimo aggiornamento all

E' stato assegnato all'organizzazione per il bando alle armi nucleari (Ican) il premio Nobel per la Pace 2017.

L'organizzazione ICAN, con sede a Ginevra, è stata infatti premiata per "i suoi sforzi fondamentali nell'ottenere un trattato che metta al bando queste armi". Tra i 318 candidati, l'Ican ne è uscito vittorioso, favorito proprio per il suo impegno e il contributo fornito.

È un grande onore essere insigniti del Premio Nobel per la Pace 2017 come riconoscimento per il nostro ruolo nell'approvazione del Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari.

Sono 15mila le armi nucleari attive nel mondo, ha ricordato il membro della Commissione norvegese, che potrebbero distruggere il mondo più e più volte.

Marzo 2013: l'Ican coordina la partecipazione della società civile alla storica conferenza di Oslo sull'impatto umanitario delle armi nucleari, un'importante riunione di Stati per valutare le evidenze scientifiche sulle catastrofiche conseguenze del nucleare. Non appena il trattato sarà ratificato da 50 Stati, il divieto di armi nucleari entrerà in vigore e sarà vincolante in virtù del diritto internazionale per tutti i paesi che sono parte del trattato. "Gli eventi dei mesi scorsi ci hanno ricordato il rischio catastrofico che le armi nucleari rappresentano per l'umanità - ha affermato Guterres in una nota -".

E' possibile agire e pesare dal basso per costruire un mondo disarmato e di giustizia, cercando la pace con vie di pace, anche a partire da scelte di disarmo unilaterale del nostro Paese: ad esempio lo sganciamento dal nuclear sharing della NATO rispedendo al mittente le "atomiche" che gli USA dispiegano nelle nostre basi o fanno transitare nei nostri porti. "Queste sono armi disumane e non sono sicure nelle mani di nessuno", ha dichiarato Fihn. La prima è stata quella organizzata nel 2011 per protestare contro gli sforzi, giudicati dall'Ican troppo deboli, dei cinque membri del Consiglio di sicurezza (Cina, Russia, Francia, Regno Unito e Stati Uniti), riuniti a Parigi per trovare un accordo per migliorare la trasparenza delle informazioni disponibili sugli arsenali nucleari.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.