Banche venete, Bankitalia: crisi scoperta da noi. UNC: non tutelati i risparmiatori

Banche venete, Bankitalia:

Banche venete, Bankitalia: "Ripetutamente occultato le informazioni"

A sollecitare un'audizione congiunta erano stati diversi gruppi, che avevano espresso le proprie perplessità ascoltando le risposte di Apponi che non coincidevano con quanto affermato poco prima da Barbagallo, ad esempio sul tema del prezzo delle azioni della popolare di Vicenza sopravalutate.

Nei giorni scorsi la Banca d'Italia, per difendersi dalle responsabilità negli ultimi 7 crac bancari (Mps, Veneto Banca, BpVi, CariChieti, CariFerrara, Banca Marche, Banca Etruria), che hanno bruciato 110 mld di euro riducendo sul lastrico almeno 350.000 famiglie, ha pubblicato sul suo sito una nota dal titolo: 'Il presunto fenomeno delle porte girevoli', per difendere le carriere di suoi ex dipendenti in merito alla loro successiva assunzione da parte della Banca Popolare di Vicenza.

Tuttavia il capo degli ispettori della Banca d'Italia ha negato che "questo fatto abbia influito sull'azione di vigilanza e sulle ispezioni". Lo ha detto Carmelo Barbagallo, responsabile della Vigilanza di via Nazionale, nell'audizione davanti alla Commissione d'inchiesta sulle banche. A quel punto i commissari, rappresentanti dei partiti, non hanno retto.

È così che la Commissione si è trasformata - nonostante la presidenza di Pierferdinando Casini - in una specie di tribunale o di ring a disposizione dei partiti che non avrebbero voluto la conferma di Ignazio Visco nella carica di governatore per altri sei anni e che ora si sfogano così crocifiggendo il capo della Vigilanza. "La Banca d'Italia ha segnalato tempestivamente le irregolarità riscontrate all'Autorità giudiziaria", ha detto Barbagallo riferendosi a Pop Vicenza e Veneto Banca, precisando che "è stata la vigilanza della Banca d'Italia ad avere rilevato le criticità che connotavano le due banche". "Prestiti erogati con leggerezza o in conflitto di interessi hanno contribuito al deterioramento della qualita' del credito, dopo gli effetti della crisi, portando i due intermediari in 'prossimita' al dissesto". "La Vigilanza ha ripetutamente stigmatizzato le carenze gestionali e organizzative rilevate, sanzionato gli autori di comportamenti scorretti, trasmesso gli atti all'autorità giudiziaria in tutti i casi in cui sono emerse possibili violazioni della legge", ha aggiunto. Il riferimento è ai tre ex esponenti, tra i quali un alto dirigente di via Nazionale, assunti dalla Popolare di Vicenza. Poco è servito definire "inopportuna" la scelta di quei servitori dello Stato trasformatisi in servitori del capitale privato, e ancor meno è stato utile quando il dottor Barbagallo si è inerpicato su uno specchio per dire che il comportamento di taluni ispettori non ha certo influenzato l'atteggiamento ispettivo della Banca.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.