Riina è in fin di vita

Riina nell'aula bunker di Palermo l'8 marzo 1993

Riina nell'aula bunker di Palermo l'8 marzo 1993

Totò Riina è in fin di vita: il boss di Cosa Nostra Nostra è in coma da giorni. Il boss dei boss è malato da tempo.

Riina, arrestato il 15 giugno 1993, dopo 24 anni di latitanza, sta scontando 26 condanne all'ergastolo per decine di omicidi e stragi, tra cui gli attentati del 1992, in cui morirono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. La scorsa estate si è dibattuto sulla possibilità che il "capo dei capi" potesse uscire dal carcere per affrontare una "morte dignitosa". Tra le accuse ci sono anche quella di aver deliberatamente lanciato un'offensiva armata contro lo Stato nei primi anni '90. Non si è mai pentito. L'ultimo processo a suo carico è quello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, in cui è imputato di minaccia a Corpo politico dello Stato.

Riina ha subito 2 interventi chirurgici, a seguito dei quali si trova adesso in stato comatoso. Era stata la Cassazione a chiedere al tribunale di Bologna (il boss è detenuto a Parma) di motivare adeguatamente la permanenza di Riina dietro le sbarre a fronte del suo precario stato di salute. Il capo di Cosa Nostra è rimasto nel reparto detenuti dell'ospedale di Parma in regime di 41 bis. Con il parere positivo della Procura nazionale antimafia e dell'Amministrazione penitenziaria, quindi, il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha firmato il permesso per la moglie e i figli di Riina: potranno stargli vicino nella struttura sanitaria emiliana.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.