Netflix annuncia la sua terza serie originale italiana, si chiamerà "Baby"

Baby, la terza serie italiana di Netflix sarà sulle squillo dei Parioli

Baby, la terza serie italiana di Netflix sarà sulle squillo dei Parioli

Le baby squillo dei Parioli diventano una serie Netflix, intitolata Baby.

Dopo aver raccontato gli intrighi di Mafia Capitale con 'Suburra', la prima serie italiana prodotta da Netflix, il colosso di Palo Alto bissa con una nuova serie made in Italy che resta a Roma e tratta un altro tema scottante preso dalle cronache di qualche anno fa.

Netflix continua con le produzioni originali italiane e annuncia la serie Baby, liberamente ispirata allo scandalo delle baby squillo dei Parioli del 2014. "Netflix - si legge sul sito - è entusiasta di dare espressione a voci nuove e originali che con un approccio innovativo alla narrazione renderanno la serie un caso unico e senza precedenti all'interno della piattaforma".

Baby è una storia di formazione che esplora le vite segrete degli adolescenti di Roma.

Le riprese di Baby inizieranno nel 2018. Ai quali si uniscono gli scrittori Isabella Aguilar e Giacomo Durzi per contribuire con la loro visione al racconto della vicenda.

Erik Barman, il Vice Presidente dei Contenuti Originali Netflix, afferma di non vedere l'ora di iniziare a lavorare alla serie e che spera di continuare a produrre contenuti originali in Italia. Baby già si appresta ad essere una vera e propria critica sociale nei confronti di quello che è accaduto nel, non poi così lontano, 2014 e soprattutto nei confronti di quello che succede ancora oggi in giro per il mondo. La produzione della serieinizierà nel 2018 ed è stata affidata a Fabula Pictures, una società di produzione televisiva e cinematografica romana, fondata da Nicola e Marco De Angelis. "Da parte della piattaforma noi abbiamo completo supporto, Netflix ci ha concesso completa libertà creativa e ci sta offrendo una grande opportunità permettendoci di sperimentare un nuovo schema di storytelling per la televisione del nostro paese.".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.