Ultras Juve arrestato per tentato omicidio: è di Cernusco

Cernusco, arrestato il capo ultrà della Juve Loris Grancini deve scontare 13 anni

Cernusco, arrestato il capo ultrà della Juve Loris Grancini deve scontare 13 anni

Deve scontare un pena di 13 anni e 11 mesi per tentato omicidio.

Loris Giuliano Grancini, considerato il capo del gruppo ultras della Juventus chiamato "Viking", è finito in manette. Il 44enne Grancini, operaio, è stato trovato dai militari della compagnia diCernusco sul Naviglio nella sua abitazione di Cernusco.

Il 5 ottobre del 2016 Grancini avrebbe sparato - assieme a un altro ultras bianconero, Pasquale Romeo, già condannato a 9 anni - a un tifoso avversario, Massimo Merafino, su viale Monza, a Milano. A luglio era stato nuovamente indagato perché accusato di tentata estorsione e atti intimidatori verso una società che gestiva eventi sportivi. Il quotidiano la Repubblica scrive che il nome del capo ultras compare anche in altre due indagini: una relativa al suicidio di un capo ultras a Torino e l'altra sulle presunte infiltrazioni della 'ndrangheta nel marketing juventino. Scagionato da questa accusa, è stato invece condannato con una inibizione di 12 mesi e una multa di 20mila euro per essere stato a conoscenza degli illeciti compiuti e per non essere intervenuto affinché gli stessi potessero cessare. Agnelli era al telefono con Alessandro D'Angelo, amico e collaboratore che si occupa della sicurezza allo stadio.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.