Roma: ci lascia Lando Fiorini, storico autore dell'inno "Forza Roma"

Come è morto Lando Fiorini e che malattia aveva

Come è morto Lando Fiorini e che malattia aveva

Cento campane, Chitarra romana, le note dolcissime e struggenti di Barcarolo romano, tra tutte la sua preferita.

Ultimo di otto figli, viene affidato dai genitori a una famiglia di Modena.

"Ciao Lando Fiorini, artista dal 'core grosso', con te se ne va una delle grandi voci di Roma", lo ha ricordato con questo tweet Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio. Nel 1962 è al Teatro Sistina nel ruolo del Serenante nella prima edizione del celebre Rugantino di Garinei e Giovannini.

Gli anni Settanta e Ottanta sono particolarmente felici per la sua carriera, che lo vede partecipare anche a Canzonissima e a Un disco per l'estate, recitando anche come 'attor giovane' in uno spettacolo di Erminio Macario.

Ma qualche anno prima, nel 1968, l'ex ragazzino di Trastevere che affilava i rasoi da Mario il barbiere di via dei Ponziani realizza un sogno, apre un teatro tutto suo nella ex bottega di un fabbro dove, diceva Lando, avevano anche girato alcune scene di La ciociara.

Tanti i suoi successi, immersi nella tradizione popolare.

Il cantante e attore romano, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, era malato da tempo.

Quello di Fiorini è un successo che non ha flessioni.

Gli anni '60 lo fanno conoscere al grande pubblico. Quella per intenderci che stornellava con Alvaro Amici, rideva con Aldo Fabrizi e Alberto Sordi, si emozionava con Anna Magnani e sorrideva a quella romanità sorniona a caustica di Sora Lella che infarciva la vita di buon senso e fatalismo.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.