Giornalisti: Belpietro assolto per titolo su terroristi islamici

Belpietro titolò

Belpietro titolò"Bastardi islamici: assolto a Milano

Un titolo forte. Sabato 14 novembre 2015 il quotidiano Libero, allora diretto da Belpietro, si presentava nelle edicole con una prima pagina in cui troneggiava il titolo 'Bastardi islamici', dopo gli attentati terroristici di Parigi del venerdì sera.

Il giudicante - ossia la dottpressa Calabi del Tribunale di Milano - assolvendo l'imputato per insussistenza del fatto di reato ha quindi aderito alla posizione di Delpietro.

Il Tribunale di Milano ha assolto Maurizio Belpietro dall'accusa di "offese a una confessione religiosa mediante vilipendio di persone", reato aggravato dall'odio razziale.

"Quando abbiamo fatto quel titolo per noi era scontato che ci si riferisse ai terroristi, perché 'islamici' era aggettivo relazionale del sostantivo 'bastardi' e serviva a definire la matrice islamica degli attentati e non ho scritto, infatti, 'bastardi musulmani'". Polemiche che lo stesso direttore aveva definito "strumentali, perché si cerca di far sparire il fatto che c'è qualcuno che ammazza in nome dell'Islam".

Le accuse. Il processo nei confronti di Belpietro è nato in seguito alle querele depositate in Procura a Milano da una decina di cittadini di religione musulmana.

Sentito in aula, Belpietro aveva argomentato come il titolo fosse chiaro nel riferirsi ai terroristi - che nel caso concreto erano di fede musulmana - e non ai musulmani in quanto tali. Davanti ai cronisti, Belpietro ha chiarito che la sua intenzione "era semplicemente di sostenere che i bastardi sono quelli che hanno assassinato quelle persone". Diverso sarebbe stato, ha sostenuto ancora, scrivere "bastardi musulmani". Il Caim, Coordinamento delle associazioni islamiche di Milano e Monza, si era costituito parte civile ed aveva chiesto un risarcimento di 350mila euro e una provvisionale da 100mila euro. Le motivazioni della sentenza saranno rese note tra quindici giorni. "Non c'era alcuna intenzione di offendere e di sostenere che tutti gli islamici sono bastardi", ha commentato l'attuale direttore de 'La Verità'.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.