Perù, concesso "indulto umanitario" all'ex presidente Alberto Fujimori

Credit AFP

Credit AFP

La decisione presa dal presidente Pedro Pablo Kuczynski, che ha disposto la grazia di Fujimori e di altri sette prigionieri per motivi umanitari, ha scatenato la rabbia degli 'Attivisti per i diritti umani' per gli abusi commessi dall'ex presidente ritenuto colpevole di aver promosso l'assassinio di 25 persone nelle mani di uno squadrone della morte, durante la guerra contro i guerriglieri di "sentiero luminoso", movimento di estrema sinistra maoista. Il 79enne Fujimori, presidente del Perù dal 1990 al 2000, è una figura divisiva nel Paese. Lo ha annunciato Pedro Pablo Kuczynski, attuale leader del Paese. La legge peruviana stabilisce che una persona condannata per omicidio o rapimento non può ricevere la grazia presidenziale a meno che non sia malata terminale. L'ex presidente non si era scusato ma aveva sempre sostenuto di essere innocente.

Secondo quanto riferisce la Bbc, scontri sono stati segnalati tra manifestanti e polizia che ha usato i lacrimogeni per disperdere la folla.

Ha quindi negato di aver concesso la grazia come parte di un accordo con il suo partito per evitare il proprio impeachment, per aver ricevuto pagamenti illegali dal gigante edile brasiliano Odebrecht. Se Fujimori avesse dovuto scontare interamente la sua condanna, sarebbe uscito dal carcere a 93 anni.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.