Caso nomine Roma, a giudizio Raffaele Marra: il ruolo dell'Anac

Raffaele Marra

Raffaele Marra

È stato rinviato a giudizio Raffaele Marra, ex braccio destro del sindaco di Roma Virginia Raggi, accusato di abuso d'ufficio in merito alla nomina di suo fratello Renato a capo del dipartimento Turismo del Campidoglio. L'udienza è stata fissata al prossimo 20 aprile. L'inizio del processo è stato fissato per il 20 aprile davanti all'ottava sezione, ma il Comune non sarà rappresentato in aula.

Marra, che dovrà rispondere di abuso d'ufficio, secondo il gup Raffaella De Pasquale avrebbe favorito il fratello per ottenere quel posto. Il fatto è stato poi smentito dalle chat tra la sindaca e l'ex capo del personale, nelle quali Raggi rimproverava il suo stretto collaboratore per averla "messa in imbarazzo" per aver scelto il fratello Renato senza consultarla. Il processo, che vede la sindaca imputata per falso documentale - sempre in relazione alla nomina, poi revocata - prenderà il via il prossimo 21 giugno davanti al giudice monocratico.

Non ci sarebbero solo dubbi sugli atti che sono stati predisposti da Raffaele Marra, ma appare strano che "l'istruttoria sulle nomine di oltre 1500 candidati sia stata fatta dalla Sindaca in un periodo in cui - fa notare l'Anac - la stessa era in viaggio di rappresentanza in Polonia". Raffaele Marra, accusato è già a giudizio per corruzione insieme all'imprenditore Sergio Scarpellini.

Roma, 9 gen. (askanews) - In origine l'Anac ha chiesto informazioni sulla nomina di Renato Marra al Responsabile per l'Anticorruzione (RPC) del Comune di Roma (oggi Responsabile per l'anticorruzione e la Trasparenza RPCT). E Raffaele è accusato di essersi mosso affinché suo fratello fosse promosso. Una decisione che ha scatenato le polemica sul fronte politico: il processo a Raggi, infatti, comincerà tre mesi dopo le elezioni del 4 marzo prossimo.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.