Guadagnino: "Felice e orgoglioso delle nomination agli Oscar"

La forma dell'acqua- the Shape of Water nuovo poster italiano del film candidato a 13 Oscar

La forma dell'acqua- the Shape of Water nuovo poster italiano del film candidato a 13 Oscar

"E per fortuna abbiamo la fortuna di fare solo film che ci piace fare". Se siamo in grado di andare oltre tutto questo, siamo liberi. Del resto è anche giusto che Luca Guadagnino si goda il suo meritato spotlight anche nel suo paese natale, dove per lo più i suoi film non sono mai stati apprezzati come all'estero. Spesso i registi sono ingombranti, perché ti dicono come fare anche la minima cosa.

Mi vorrà? Gli andrò bene così come sono? "Sentivo la responsabilità di portare verità in una storia molto conosciuta, vista l'estrema popolarità del libro, soprattutto in America ma non solo". I nostri sono confusi ("io so tutto tranne le cose che veramente contano", confessa Elio), si cercano con il contatto fisico, poi forse si rinnegano, fino al coraggio di specchiarsi finalmente l'uno negli occhi dell'altro, diventando, in tutto e per tutto, una cosa sola ("Chiamami col tuo nome, e io ti chiamerò col tuo"). "Sublime", "Un'intensa storia d'amore", "Un capolavoro", la critica ha tessuto le lodi della coinvolgente storia d'amore fra il giovane Elio e il 24enne Oliver durante una calda estate dei primi anni '80, definendo il film di Guadagnino una fra le pellicole più belle degli ultimi anni. E ripensandoci penso abbia ragione. Guadagnino non ammette forzature, né tantomeno l'eccesso di enfasi: il suo film odora magnificamente di caloroso abbraccio proprio per la maniera in cui tutto avviene nel più naturale dei modi, disegnando una mappa sentimentale con tale equilibrio, ricchezza di dettagli e nuda spontaneità da superare ogni possibile aspettativa. Le polemiche delle scorse settimane, legate alle scelte promozionali relative al film, hanno ormai lasciato spazio all'entusiasmo per un'opera che, nel bene e nel male, si differenzia totalmente dagli altri titoli in corsa per l'agognata statuetta.

Ma una famiglia così aperta, in quel periodo, non è un po' un'utopia?

Ciò che interessa a Guadagnino è infatti mettere in scena un seducente flusso di emozioni e sentimenti, un melodramma che assapora il desiderio, la vita e le sue inattese sorprese, servendosi di due interpreti ammirevoli, capaci di darne forma con vivida forza. Il 1983 è un anno storicamente importante, è il tramonto di un'epoca il cui risultato viviamo ancora oggi. Qui non parliamo di amore omosessuale, etero o... per una pesca (fa una citazione ad una scena del film, ndr.) ma di un sentimento che non conosce genere, definizioni ed etichette, ma è talmente coinvolgente che ti fa pensa che valga persino la pena soffrire pur di provarlo. Io e Walter amiamo un certo tipo di immaginario decostruttivista, cerchiamo sempre l'amonia nella dissonanza.

Nella meravigliosa cornice dell'Hotel De Russie di Roma, a due passi da Piazza del Popolo, l'attore ci ha svelato alcuni interessanti aspetti riguardanti il film e la sua performance. Poi non ho più saputo niente per sei anni e mezzo e quando il mio agente mi chiamò per dire che Luca aveva mandato una sceneggiatura ho detto immediatamente sì, senza leggerla.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.