Terrorismo, arrestati due egiziani

Terrorismo, padre e figlio arrestati in provincia di Como

Terrorismo, padre e figlio arrestati in provincia di Como

Due egiziani residenti a Como di 51 e 23 anni, padre e figlio, sono stati arrestati dalla polizia di Stato per associazione con finalità di terrorismo. Un'operazione condotta dalla Digos della questura di Milano in collaborazione con quella di Como.

Con provvedimento del Ministro dell'Interno è stata inoltre rimpatriata, per motivi di sicurezza personale, la cittadina marocchina 45enne moglie e madre dei due. Poi i dettagli. A essere arrestato è solo il padre, Fayek Shebl Ahmed Sayed.

"Durante le intercettazioni nella loro casa sono emerse moltissime conversazioni in cui emerge il passaggio di testimone generazionale, con il padre che spinge il figlio a combattere in Siria per purificarlo". La madre supportava il marito, mentre l'altro figlio della coppia, di un anno più giovane, era definito dai genitori "un cane", cioè una pecora nera, perché si era integrato ed aveva amicizie italiane.

Una terza figlia, di 21 anni, sarebbe stata costretta a crescere nell'osservazione delle leggi islamiche, ma non risulterebbe coinvolta nei fatti ascritti al fratello e al padre.

A Treviso, invece, sono stati espulsi due cugini macedoni ritenuti seguaci della jihad e in contatto con arruolatori dell'Isis.

Con queste di oggi, la quarta e la quinta del 2018, sono 242 le espulsioni con accompagnamento nel proprio Paese, eseguite dal primo gennaio 2015, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.