Aggrediscono anziano, postano video web

PISTOIA, MINORI AGGREDISCONO ANZIANO/ Postano video su Facebook: il vicesindaco,

PISTOIA, MINORI AGGREDISCONO ANZIANO/ Postano video su Facebook: il vicesindaco, "È stato superato un limite"

Non è ancora chiaro il "motivo" ma il fatto è evidente: i baby teppisti hanno colpito senza motivo apparente e senza alcuna ragione il povero anziano disabile che stava passeggiando per il paesino alle porte di Pistoia.

Attraverso alcune persone che hanno partecipato alla chat in rete, è stato identificato l'anziano aggredito, poi il ragazzo che gli ruba il bastone, infine gli altri membri del gruppo. Sono stati identificati dalla squadra mobile i cinque minorenni ritenuti responsabili dell'aggressione a un anziano, documentata con un video girato da uno dei ragazzi e poi postato su internet. La legislazione per i minorenni è molto debole e se la caveranno probabilmente con un periodo che dovranno passare sotto osservazione. Il tutto registrato con uno smartphone e postato qualche istante dopo su Facebook per sentirsi "grandi" e "fighi": ecco, proprio quel video ha portato la Polizia all'immediata identificazione e nella tarda serata di ieri è avvenuto il fermo con il reato contestato di tentato furto con aggressione.

La Polizia, dopo aver visionato le immagini, ha spiegato come i ragazzi avvistato l'anziano, che si accompagnava con un bastone, hanno progettato l'aggressione tra "risa e schiamazzi". La squadra mobile ha sequestrato i telefoni cellulari in uso a tre degli indagati e alcuni capi di abbigliamento.

Federico Gorbi, sindaco del comune toscano, ha raccontato che l'anziano "per fortuna ha riportato solo qualche ecchimosi e qualche escoriazione, ma l'episodio è gravissimo". Intanto le immagini diffuse sul web, e che hanno suscitato vari commenti, sono state rimosse.

I ragazzini hanno seguito l'anziano che percorreva una stradina e uno di loro gli ha strappato il bastone. "Proveremo a individuare dei percorsi condivisi con le forze dell'ordine, so che la questura di Pistoia, ma anche il comando dei carabinieri, sono sempre disponibili a individuare dei percorsi educativi a sostegno delle scuole e delle famiglie, che servono a prevenire fatti come questi e ci muoveremo in questa direzione".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.