Telecom Italia, Elliott spiega piano, ha partecipazione potenziale oltre 5%

Telecom Elliott entra in campo contro Vivendi e acquista il 6

Telecom Elliott entra in campo contro Vivendi e acquista il 6

Con una lettera agli azionisti, l'atteso "manifesto", il fondo attivista Elliott svela ulteriormente le sue carte in vista della battaglia per conquistare Telecom Italia o meglio per "trasformarla".

Vivendi, primo azionista di TIM, con una quota vicina al 25%, è pronto a esaminare commenti espressi da Elliott anche se rimane dubbioso sul fatto "che il piano per smantellare e destabilizzare il Gruppo possa creare valore" per la società. Il "ribaltone" nella governance di Tim sarebbe fissato per la prossima assemblea del 24 aprile, per il quale il fondo Elliott ha presentato la sua lista alternativa di sei nomi per sostituire quelli in quota Vivendi, che peraltro vorrebbe sarebbe pronta ad aprire un dialogo con il fondo americano.

"Tim - si legge nella nota inviata agli azionisti - ha una posizione unica nel mercato italiano ma anche impedimenti alla creazione di valore derivanti dalla leadership di Vivendi". Assieme alla lettera-manifesto rivolta agli azionisti del gruppo di tlc, il Fondo ha lanciato oggi un nuovo sito, creato per spiegare la propria proposta di cambiamento per TIM, alla luce della richiesta di revocare i consiglieri espressione di Vivendi e nominare nuovi amministratori "veramente" indipendenti.

"Tuttavia - sottolinea- la mediocre amministrazione sotto il consiglio controllato da Vivendi ha provocato profonde problematiche di corporate governance, una valutazione a sconto e una strategia fallimentare".

Elliott in particolare ritiene che un Cda di Telecom "realmente" indipendente "sia necessario per migliorare sia la governance che la performance di Tim".

Elliott punta a liberarsi del presidente Arnaud de Puyfontaine, dei consiglieri Hervé Philippe e Frédéric Crépin, del vice presidente Giuseppe Recchi, e delle indipendenti Félicité Herzog e Anna Jones. Resterebbe al suo posto, invece, l'ad Amos Genish. Al loro posto il fondo propone di nominare l'ex ad dell'Enel Fulvio Conti, il direttore finanziario di Salini Impregilo Massimo Ferrari, Paola Giannotti De Ponti, Luigi Gubitosi, il banchiere Dante Roscini e l'ex ad di Piaggio e Immsi Rocco Sabelli.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.