Sottomarino nucleare nel porto di Napoli. Capitaneria: "Non ci compete decidere"

Un'immagine di un sottomarino dalla pagina ufficiale delle U.S. Navy

Un'immagine di un sottomarino dalla pagina ufficiale delle U.S. Navy

L'attacco, ovviamente, non è partito dalle acque del porto di Napoli, ma il sindaco della cittadina ha trovato profondamente fuori luogo che un sottomarino nucleare sia passato dal porto partenopeo alla vigilia di un attacco particolarmente importante per la sua portata. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha scritto ad Arturo Faraone, comandante della Capitaneria di Porto di Napoli, per chiedere che "non accada più" perché Napoli è una "città denuclearizzata".

Il primo cittadino oggi ha chiesto spiegazioni in merito all'approdo nella rada della citta' del sottomarino nucleare USS John Warner.

Il canale You Tube Aiir Source Military, che raccoglie filmati relativi alle attività delle forze armate statunitensi, ha infatti pubblicato un video che risalirebbe a sabato, il giorno dell'attacco, e che mostra il lancio di un missile Tomahawk da un sottomarino indicato appunto come il John Warner (SSN 765) dislocato nel Mar Mediterraneo. A quanto risulta dalla segnalazione di De Magistris, la presenza del sottomarino nucleare a Napoli risale allo scorso 20 marzo, qualche settimana prima del raid di Duma.

Il sottomarino nucleare in questione, si apprende sempre dai canali YouTube specializzati in questioni militari, sarebbe salpato dal porto di Gibilterra il 5 aprile. Il sottomarino Usa ha sostato in rada, la zona di mare prospiciente lo scalo, a tre miglia nautiche (equivalenti a circa sei chilometri) dall'imboccatura del porto. "Ho letto anche l'ordinanza n.17/2018 che Lei ha emesso per le necessarie e correlate disposizioni di sicurezza e di navigazione" come si legge nella lettera la Contrammiraglio. "Ho appreso - scrive il primo cittadino - che lo scorso 20 marzo il sottomarino nucleare statunitense Uss John Warner è approdato nella rada della nostra Città. Non solo, ma esprime e riafferma il ruolo di Napoli "Città di Pace", rispettosa dei diritti fondamentali di ciascuno, convinta del disarmo e della cooperazione internazionale".

Luigi De Magistris irrompe prepotentemente sullo scenario internazionale.

"Il fatto che si tratti dello stesso sottomarino - aggiunge il sindaco - rafforza ancora di più la giustezza della nostra delibera con cui abbiamo sancito che nel Porto di Napoli non sono gradite, e pertanto non andrebbero consentiti il transito e la sosta, di navi a propulsione nucleare o che portano armi nucleari".

Napoli. "Le decisioni in ordine all'arrivo e/o al transito delle unità navali militari straniere nelle acque territoriali nazionali non competono all'Autorità Marittima, quale organo periferico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti". Faraone giudica "condivisibili le preoccupazioni" alla base della delibera di Giunta che dichiara "area denuclearizzata" il porto di Napoli.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.