Fiorentina-Lazio 3-4, biancocelesti sulle ali di Luis Alberto

Fiorentina, Pioli:

Fiorentina, Pioli: "Un anno fa volevano partire tutti, ora vogliono restare. La Lazio è il passato"

Luis Alberto 8 - Decide il match con una doppietta che vale tantissimo per la corsa Champions. Luis Alberto dovrebbe riprendere posto sulla trequarti a scapito di Felipe Anderson, dopo l'iniziale panchina nel derby, mentre in avanti i biancocelesti si affideranno al solito Ciro Immobile, intenzionato a blindare la testa della classifica per il capocannoniere. Nel primo tempo abbiamo fatto fatica a trovare equilibrio.

Nonostante una stagione praticamente perfetta, la Lazio si trova attualmente con un "pugno di mosche" tra le mani: semifinale di Coppa Italia persa in casa ai rigori contro il Milan e, soprattutto, una semifinale di Europa League sfumata per via della clamorosa sconfitta esterna con il Salisburgo (4-1), che l'ha estromessa dalla competizione europea e ne ha ridimensionato l'ottima annata. Uno a uno nel match d'andata allo Stadio Olimpico che ha lasciato un grande strascico polemico: Lazio in vantaggio con De Vrij ma raggiunta in pieno recupero da un rigore trasformato da Babacar, molto contestato dai biancocelesti. Al 29′ Luis Felipe ha messo giù Biraghi in area ed è stato assegnato un calcio di rigore per la Viola: Veretout ha spiazzato Strakosha. Il karma dice Lazio e a fine gara non manca nemmeno un dialogo a muso duro tra Pioli e Milinkovic-Savic, ultima emozione di un condensato di sentimenti quasi impossibile da rendere fino in fondo.

La ripresa non è da meno. "Poi spero che il VAR abbia altre immagini perchè da quelle che ho visto io Simeone non si trovava in fuorigioco". Il Var però frena gli entusiasmi in casa Lazio: l'attaccante partiva da posizione irregolare.

La Lazio prende troppi gol... Ma non è finita: è Luis Alberto l'eroe di giornata, uno-due con Marusic e palla in rete.

Formazione ufficiale Fiorentina (3-5-1-1): Sportiello; Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo; Chiesa, Eysseric, Dabo, Veretout, Biraghi; Gil Dias; Simeone. Risponderà la Lazio con l'albanese Strakosha a difesa della porta e una difesa a tre composta dall'olandese De Vrij, dal brasiliano Luiz Felipe e dall'uruguaiano Caceres. La Lazio è furiosa ma reagisce, riapre i conti con la bella punizione di Luis Alberto poi pareggia il doppio svantaggio con il perfetto terzo tempo - su calcio d'angolo a firma dello spagnolo - di Caceres con un'inzuccata. Sportiello espulso al 7', Murgia al 14'. Due espulsi, due splendide punizioni, sette goal, una tripletta. Ora sono concentrato solo sulla Fiorentina e su questo finale di campionato che deve riservarci ancora cose positive.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.