Iran: "Sanzioni Usa in vigore fra 90 giorni da oggi"

Usa Trump insiste

Usa Trump insiste"Armare e addestrare gli insegnanti

La prospettiva che gli Stati Uniti optino per un non rinnovo del blocco delle sanzioni all'Iran, precedentemente noto come Joint Comprehensive Plan of Action, ha innescato nel mercato petrolifero nuovi timori di un prossimo imminentet choc di offerta. Per lui, le promesse fatte dall'Iran sono una "falsità". Del resto è stata al centro delle visite a Washington di Emmanuel Macron e di Angela Merkel, due settimane fa; ha dato luogo a un attacco spettacolare da parte del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e mobilita tutte le potenze di questo mondo caotico. "L'ho ripetuto a gennaio e sono partiti estesi negoziati che non hanno portato a una conclusione positiva". Per Trump era "il peggior accordo della storia". E' infatti attesa per oggi la comunicazioni del presidente Trump su quello che è stato già ribattezzato come "caso Iran". E questo perché il Mossad ci ha fornito un centinaio di migliaia di confessioni firmate che il regime iraniano riprenderà e completerà i piani per dotarsi di missili in grado di trasportare testate nucleari non appena l'accordo glielo consentirà - anzi, lo autorizzerà - a farlo. Le sanzioni legate al petrolio saranno reintrodotte dopo 180 giorni.

Il presidente americano Trump annuncerà stasera alle 20, con tre giorni di anticipo rispetto a quanto previsto, la sua decisione sull'accordo sul nucleare iraniano (Cnn).

Nel frattempo, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha lanciato, dalla tv di stato della repubblica islamica, il suo monito agli stati uniti: "rischiate di rimpiangere molto amaramente le vostre scelte" ha detto. Così l'Alto rappresentante per la politica estera dell'Ue, Federica Mogherini, commentando la decisione di Donald Trump sull'uscita dall'intesa sul nucleare iraniano. Netanyahu ha detto di avere apprezzato la decisione di Trump, definendola "coraggiosa". "I nostri nemici, compresi gli Usa, il regime sionista e i loro regimi fantoccio nella regione, dovrebbero sapere che l'Iran è pronto a tutto".

"La rimozione delle sanzioni - ha proseguito - non ha reso finora l'Iran più moderata, al contrario lo ha reso ancora più aggressiva". Intanto Israele ha iniziato il richiamo di riservisti e sulle alture del Golan è stato proclamato lo stato di massima allerta. L'idea della Casa Bianca sarebbe quella di discutere con i partner europei l'ipotesi di un rinvio decennale dell'entrata in vigore dell'accordo siglato nel 2015, per permettere a Teheran di maturare un profilo internazionale più affidabile, che gli permetterà di avvalersi di accordi economici finanziari più favorevoli con gli Stati Uniti. Così l'ex presidente Barack Obama commentando l'annuncio di Trump.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.