Renzi è a Pechino, ma torna per la 'sfiducia'

Senato, fiducia Conte: Salvini dovrebbe votare per ultimo e si dispera. Renzi lo prende in giro

Senato, fiducia Conte: Salvini dovrebbe votare per ultimo e si dispera. Renzi lo prende in giro

Matteo Renzi, scrive il Giornale, sta facendo i primi passi in una carriera nuova e ben remunerata: quella di conferenziere.

Ma il leghista Roberto Calderoli attacca: "Finalmente ha deciso di andare a fare danni altrove, possiamo immaginare il sollievo nel Pd". In particolare ad annunciare che il PD non avrebbe votato la fiducia a Conte è stato l'ex premier Matteo Renzi. "E' professore lui?". Atteso un nuovo capitolo del confronto dialettico tra il giurista e il principale membro dell'opposizione. "Starò fuori dal giro per qualche mese", ha detto l'ex premier, parlando degli inviti a convegni in Cina e citando la trasferta americana per i 50 anni dalla morte di Bob Kennedy (dove terrà un discorso) e l'invito in Sudafrica per i 100 anni della nascita di Mandela.

(AdnKronos) - Dopo il giuramento, oggi il governo Conte dovrà affrontare il primo banco di prova: le votazioni al Parlamento per ottenere la fiducia. Quello che nella XVII legislatura era il 'governo dei non eletti' oggi si deve dire 'governo dei cittadini'. Come rivela egli stesso in un colloquio con Claudio Bozza del Corriere della Sera, l'ex segretario e presidente del Consiglio ha iniziato nelle scorse settimane a intervenire alle conferenze organizzate da grandi società o fondi finanziari, dietro compenso. Non è stata citata una cifra: "l'ho trovato sinceramente non all'altezza dei novanta giorni visti fin qui". Infine, una battuta sul mancato dialogo con l'M5s prima dell'accordo con la Lega: "Nessuna politica dei pop corn". "Io faccio il senatore - taglia corto da Pechino Renzi - e faccio altre cose come tutti, compatibilmente con i tempi del Senato". Poi Renzi ha rivolto un appello al leader della Lega. Non è mancata una stoccata al centro destra: "E intanto oggi c'è una triplice posizione (astensione, fiducia e sfiducia) di una coalizione che si è presentata invece insieme all'elettorato". Dopo il lungo discorso di Giuseppe Conte, arrivano i duri attacchi dai banchi dell'opposizione. "Lo Stato siamo noi". "Intanto avete cambiato il clima politico", ha sottolineato.

"Il contatto è scritto con l'inchiostro simpatico e garantito da un assegno a vuoto", ha detto ancora Renzi.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.