Trump lascerà il G7 in anticipo per volare da Kim

Tra i leader anche Donald Trump, arrivato al vertice senza la first lady.

"Sono d'accordo con il presidente Donald Trump: la Russia dovrebbe rientrare nel G8. E' nell'interesse di tutti". "Sui dazi commerciali c'è molta conflittualità e noi siamo qui per valutare le varie posizioni: sicuramente come è nelle nostre corde saremo portatori di una posizione moderata cercando di aprire le motivazioni e ci comporteremo di conseguenza", ha poi aggiunto Conte.

GELO DI MOSCA - Dopo che il presidente americano si è espresso in favore della riammissione di Mosca al tavolo, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che la Russia concentra la sua attenzione su altri formati oltre al G7. "La Russia dovrebbe esserci", ha sottolineato. "Impaziente di vederli domani", ha scritto il leader della Casa Bianca.

Quasi in contemporanea al primo tweet di Trump, ne seguiranno un altro paio, Macron scrive: "Le tensioni stanno aumentando ovunque".

8 giugno 2018 Canada, Trump lascerà il G7 a metà per volare a Singapore da Kim. "Questo G7 sarà impegnativo".

Sulla disciplina del regolamento di Dublino sui migranti c'e' "totale insoddisfazione dell'Italia per le proposte attualmente discusse, l'Italia non puo' essere lasciata sola nella gestione dei flussi migratori".

Il vicepremier ha parlato anche della Russia: "Il mio punto di vista sulle sanzioni continua a essere quello che mantengo da anni, ovvero che non risolvono nulla e che, mantenendo fede agli impegni internazionali presi, ritengo fondamentale tornare a dialogare, a commerciare e a ragionare amichevolmente con la Russia".

"Lancio l'idea di una riunione di tutti gli europei", la cancelliera tedesca Angela Merkel, la premier britannica Theresa May e il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte". Un compromesso per tenere dentro gli Stati Uniti, nonostante i belligeranti propositi commerciali sui dazi del riottoso presidente americano che non si sottrae al corteggiamento di Conte, all'asse che il premier italiano vuole costruire con Washington, "il principale alleato" come lo ha definito nel discorso alle Camere. E' quanto spiegano fonti di Palazzo Chigi, a margine dei lavori del vertice. Conte è partito con il dossier preparato dai diplomatici del governo Gentiloni.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.