Allegri ammette: "Ho rifiutato Real Madrid e Chelsea. Spalletti è un attore"

Il gran rifiuto di Allegri

Il gran rifiuto di Allegri

Ha cercato Massimiliano Allegri, il Real Madrid. "L'ho fatto in una telefonata con Florentino Perez perché avevo dato la mia parola al presidente Agnelli. Ho ringraziato Florentino per l'offerta e gli ho detto che non potevo accettarla proprio per questa ragione, per il rispetto che dovevo alla Juventus".

"Ho detto 'no' al Real Madrid per restare alla Juventus". Un altro al futuro e a quella Champions che continua ad essere un obiettivo: "Magari il prossimo sarà l'anno buono - sorride - negli ultimi undici anni hanno vinto quattro volte il Real e altrettante il Barcellona". Per noi la vittoria dell'ottavo scudetto consecutivo resta la priorità.

"Più indietro, dipende anche dal mercato che farà o potrà fare". "Ancelotti? E' un valore aggiunto, però perdiamo Sarri".

Per quanto riguarda il capitolo mercato, l'allenatore ha esternato il suo gradimento per Milinkovic-Savic, Cancelo e Golovin, parlando delle voci relative al possibile addio. Ma anche Napoli è un contesto molto diverso da quello in cui lui ha sempre lavorato, vedremo. Al momento Allegri non si sbilancia: "Spero di sì ma prima di saperlo definitivamente bisogna aspettare il Mondiale". Higuain via? La Juventus ha una grande forza: può e vuole accontentare chi chiede di andare via. Far rimanere giocatori contro la loro voglia è sempre negativo. "Vediamo cosa succederà dopo la Coppa del Mondo".

E in conclusione un consiglio per Dybala, in chiave Mondiali. "Ma sapevo che dopo averci battuti avrebbero fallito almeno un colpo". Poi ha pagato i paragoni con Messi e ha attraversato un periodo di transizione.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.