Migranti: la nave Lifeline attracca a Malta. Salvini: "Successo italiano"

Migranti, Lifeline e l'accordo in Europa

Migranti, Lifeline e l'accordo in Europa

I migranti a cui non spetta la protezione saranno rispediti indietro: "Partiranno immediatamente le procedure per il ritorno di quanti non hanno titolo alla protezione, dopo il dovuto processo e in accordo con l'Europa e le regole internazionali". "Abbiamo sempre pensato che la nave fosse registrata (in Olanda, ndr) e ora abbiamo la conferma che non è così", ha detto Muscat, ricordando che da diversi mesi è in vigore un codice di condotta delle ong voluto dall'Italia. "Il tempo peggiora ancora".

"Abbiamo ricevuto un messaggio da Malta alle 18 dicendo che non ci è permesso entrare nelle acque territoriali".

La Lifeline è entrata, mercoledì sera, nel porto de La Valletta.

Questa la dichiarazione ufficiale rilasciata dall'ufficio del primo ministro maltese.

A ritardare l'ingresso nel porto di Malta della nave, secondo Lifeline, sarebbe stato il parere negativo all'accordo faticosamente raggiunto da cinque Paesi europei (Italia, Malta, Francia, Spagna e Portogallo) da parte della Germania.

La nave dunque sarà sequestrata e il suo capitano, Claus-Peter Reisch sottoposto a indagine con l'accusa di aver violato le leggi internazionali.

Sembrava che l'incontro segreto avvenuto a Roma tra Conte e Macron potesse aver sbloccato l'impasse sul caso "Lifeline", ma la nave battente bandiera olandese è rimasta a lungo in attesa di un ok da Malta per procedere allo sbarco.

Con il premier italiano Giuseppe Conte "ci siamo confrontati su questioni di attualità, eurozona e migranti". "La nave fuorilegge Lifeline arriverà a Malta e lì verrà bloccata per accertamenti". Il premier del Carroccio, Matteo Salvini, parla di "successo italiano: dopo anni di parole, arrivano i fatti", annunciando che l'Italia donerà alle autorità di Tripoli altre 12 motovedette per pattugliare le coste del Mediterraneo. Per donne e bambini davvero in fuga dalla guerra le porte sono aperte, per tutti gli altri no! I vescovi "capiscono non sia stata una decisione facile", ma ritengono "essenziale che si faccia il possibile per garantire che ogni vita venga salvata, come ha fatto il governo maltese", ha dichiarato Papagiorcopulo, anticipando i contenuti di una dichiarazione dei vescovi maltesi. Lo fa sapere la stessa organizzazione osservando che "nessuna spiegazione ci è stata fornita".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.