Niccolò Bettarini, le prime parole sui social: "Sono un ragazzo fortunato"

Simona Ventura e il figlio Niccolò Bettarini

Simona Ventura e il figlio Niccolò Bettarini

"Sarò sempre grato al pronto intervento dell'ambulanza e del trauma team dell'Ospedale Niguarda di Milano". Per fortuna il 19enne mercoledì pomeriggio ha rimesso piede nella sua abitazione. Un messaggio di speranza: dopo l'inevitabile ringraziamento ai genitori per la loro vicinanza, il ragazzo si è rivolto alle tante persone che hanno seguito la sua storia sui social network. "Le modalità poste in essere dagli indagati - spiega il gip - e, in particolare, la brutale aggressione dai medesimi perpetrata in danno della vittima, tenuto conto della superiorità numerica degli aggressori e della violenza della loro azione (proseguita anche quando la vittima era ormai a terra), la pluralità dei colpi inferti dapprima con calci e pugni e poi con il coltello, soprattutto nella parte superiore del corpo della giovane persona offesa, le regioni del corpo verso le quali sono stati indirizzati i colpi, tra cui la zona toracica e la cresta iliaca, sono tutti elementi che consentono di ritenere che gli atti posti in essere dagli indagati avrebbero comunque potuto produrre conseguenze mortali, che i predetti si sono certamente prefigurati (proprio in considerazione della loro superiorità numerica e della violenza della loro azione), quantomeno nella forma del dolo alternativo".

Gli agenti della squadra mobile e dalla volante della questura di Milano hanno interrogato gli amici di Niccolò presenti con lui al momento dell'aggressione.

Accoltellamento di Niccolò Bettarini: almeno altri sei ragazzi potrebbero essere a breve essere chiamati a rispondere delle stesse accuse già contestate dalla polizia ai quattri fermati per il tentato omicidio del 19enne figlio di Stefano Bettarini e Simona Ventura nella notte di sabato all'uscita dall'Old Fashion di Milano. Il gruppo di giovani, tuttavia, ha incontrato di nuovo l'amico di Bettarini assieme ad altri all'esterno del locale, quando è finita la serata, e gli animi si sono accesi nuovamente e Niccolò Bettarini è intervenuto a difesa dell'amico. "Non saprei dire, ora che so che è andato tutto bene, quali siano le mie emozioni... rabbia, odio, vendetta, gratitudine, felicità". Il primo pensiero, come è ovvio che sia, è diretto a mamma e papà, dunque così prosegue Bettarini jr: "Innanzitutto voglio in questo momento ringraziare la mia famiglia che mi è sempre stata vicino, nei momenti felici come in quelli brutti. Nessuno come lei ha saputo trasmettermi quella forza che mi ha permesso di non mollare mai".

Un post condiviso da Simona Ventura (@simonaventura) in data: Lug 7, 2018 at 4:00 PDT "Ne ho sempre avuto la consapevolezza - scrive Ventura - mai la certezza, ma credo che nella vita esista un punto di svolta".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.