RUSSIA CROAZIA - La lotteria dei rigori sorride ancora ai croati

Russia-Croazia

Russia-Croazia

Aria di semifinali al Fisht Stadium di Sochi. A fare da puntero ancora una volta Dzyuba. Occhi puntate sul leader Modric e su un Rebic in forma smagliante.

In serata tocca alla Croazia qualificarsi per la semifinale in un match bellissimo e combattuto, i padroni di casa passano in vantaggio grazie ad un tiro dal limite calciato da Cheryshev, al 39′ è Kramaric a segnare il gol del pari. Si arriva dunque ai supplementari con la Croazia che accusa più di un problema fisico e Subasic e Manduzkic devono restare in campo nonostante gli acciacchi, visto che Vrsaljko non riesce a restare in campo.

Al momento già sappiamo che la Francia affronterà il Belgio ( che ha eliminato il Brasile), mentre l'Inghilterra, che ha vinto 2 a o contro la Svezia, aspetta di conoscere il suo avversario. 2-2 e si va ai calci di rigore. Prima Vida, poi Mario Fernandes. Croazia che fa a meno di Brozovic, con Kramaric dietro a Mandzukic. Mi sparo un terzo bicchierino proprio sull'inno russo, tra l'altro mi è sempre piaciuto, anche col vecchio testo di Michalkov, fa molto secolo breve e carica i nostri all'unica tattica possibile: la difesa. La Croazia prova a ripetere la partenza sprint dei primi 45' ma, di fatto, produce una sola vera occasione da gol, quando Perisic colpisce il palo interno dopo una mischia in area.

RUSSIA (4-2-3-1): Akinfeev; Fernandes, Kutepov, Ignashevich, Kudryashov; Zobnin, Kuzyaev; Samedov (9' s.t. Erokhin), Golovin (12' p.t.s. Dzagoev), Cheryshev (22' s.t. Smolov); Dzyuba (34' s.t. Gazinsky). Nei regolamentari a passare in vantaggio sono i padroni di casa con Cherishev, al quarto gol in questa rassegna, replica subito la Croazia con Kramaric, ben servito da Mandzukic. Si va all'intervallo sul punteggio di 1-1, e l'inerzia della gara sembra esser rovesciata a favore degli uomini di Dalic. Calcio d'angolo battuto da Modric, palla incantevole in mezzo e Vida salta in controtempo schiacciando il pallone alle spalle di Akinfeev: il difensore del Beşiktaş esplode di gioia e si toglie la maglia in un impeto di gioia incontenibile. Il secondo tempo è al cardiopalma ma non genera gol. Al 112' Kuzyaev sfiora il pareggio, ma viene murato da uno stoico Subasic. La Russia, però, non molla, ma deve aspettare il 10' del secondo tempo supplementare per raccogliere i frutti dei propri sforzi: il pareggio per la squadra guidata da Cherchesov arriva pure di testa. Impresa quella della squadra di Cherchesov che in una delle partite più brutte esteticamente del Mondiale ha eliminato la più quotata Spagna di Hierro. Dal dischetto: errori di Smolov e Fernandes per la Russia, il solo Kovacic per la Croazia. La Croazia poi sbaglia lei stessa con Kovacic.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.