Fca crolla a Piazza Affari dopo l'addio di Marchionne. Salvini: "Sciacalli"

Marchionne consegna una Jeep Wrangler speciale ai Carabinieri

Marchionne consegna una Jeep Wrangler speciale ai Carabinieri

E ha concluso: "Nel momento di dolore non si deve però dimenticare la complessità e gli errori che sono stati commessi in questi anni e che alla fine sono stati pagati dai lavoratori e dai giovani in cerca di occupazione". Nel frattempo John Elkann, numero uno della Exor (la finanziaria che controlla il 29,18% della FCA), ha fatto sapere che Marchionne non tornerà più ai suoi obblighi lavorativi e lo ha ringraziato per il lavoro svolto con una nota dal gusto amaro, da cui traspare chiaramente che le sue condizioni di salute sono gravissime. Mike - ha poi sottolineato Elkann in una lettera inviata ai dipendenti del gruppo - "è stato uno dei principali protagonisti del successo di Fca e ha già al suo attivo una lunga lista di successi e obiettivi raggiunti".

Tra chi ne ha apprezzato le doti manageriali e chi forse ne ha criticato l'aspetto troppo "aziendalista", unanime rimane la stima da parte del mondo dell'industria e dell'economia [VIDEO] per un uomo che è stato fautore della fusione tra laFIAT e la Chrysler.

Intanto gli analisti della Morgan Stanley evidenziano che dal titolo di Fiat Chrysler Automobiles bisogna aspettarsi "una maggiore volatilità fino a quando la nuova direzione non comunicherà chiaramente la propria posizione sulle priorità strategiche". La domanda è sorta spontanea nelle menti degli addetti ai lavori, ma anche in quelle della gente comune.

Alfredo Altavilla, responsabile del gruppo Fca per l'area Emea, si è dimesso. "Nessuno avrebbe voluto una successione così traumatica, ora posso solo pregare per chi ci crede, fare auguri a Marchionne e lavorare perché azienda non abbia nessun contraccolpo". "Non si misura dai risultati che raggiunge, ma da ciò che è in grado di lasciare dopo di sé". "Ci ha sempre spinti ad imparare, a crescere e a puntare in alto - spesso andando oltre i nostri stessi limiti - ed è sempre stato il primo a mettersi in gioco". Il miglior modo per giudicarlo è attraverso ciò che l'organizzazione fa dopo di lui. In apprensione. Un intero territorio che ha visto il secondo "insediamento" - dopo quello degli anni Settanta - della produttività in loco. In attesa, come tutti, di una notizia, di una speranza a cui aggrapparsi. A questo punto la presenza di italiani nel Gec (Group Executive Council), l'organismo decisionale guidato dal nuovo a.d. del gruppo automobilistico, si riduce ancora, passando da tre a due componenti. Poi, mercoledì, ci sarà l'approvazione dei conti del secondo trimestre 2018, con l'annunciato azzeramento del debito. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all'uso delle informazioni ivi riportate.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.