Tifone Mangkhut diventa uragano tipo 4

Mangkhut inonda le Filippine

Mangkhut inonda le Filippine

A Hong Kong è stata ricchiesta la massima attenzione, così come a Taiwan, dove però il tifone non è atteso con la stessa virulenza. Il tifone, che la notte scorsa è stato declassato dall'equivalente di un uragano di categoria 5 a un uragano di categoria 4, dovrebbe toccare terra domani nelle province meridionali cinesi di Guangdong e Hainan.

Stando a quanto comunicato dai media locali, il piano d'emergenza non riuscirà a coprire l'Isola di Luzon per via del blocco alle uniche vie di comunicazioni rimaste fra l'isola e il resto dei territori nei quali si è abbattuta la tempesta. I soccorritori sono riusciti a raggiungere i luoghi colpiti solamente dopo qualche ora, soccorrendo i feriti e constatando che c'erano 12 persone senza vita.

La tempesta Mangkhut è molto simile e dunque affrontare le conseguenze della devastazione potrebbe essere più semplice.

Si è parlato tanto dell'uragano Florence, impattato nelle ultime ore sulla costa atlantica statunitense. Il tifone Mangkhut però presenta "una minaccia più seria alla vita" a causa della sua potenza. La tempesta ha scatenato venti di 185 chilometri orari. Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, riunirà infatti oggi il Consiglio nazionale per cercare di ridurre al minimo i rischi e gestire al meglio la probabile catastrofe. I danni sono ingentissimi: centinaia i tetti divelti e migliaia i lampioni e gli alberi letteralmente abbattuti dalla furia dei venti; ben 42 le frane di diversa entità che si sono verificate nella sola regione settentrionale della Cordillera. Anche il Global Disaster Alert and Coordination System teme "un alto impatto umanitario".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.