Alitalia, prima fila riservata ai disabili: in realtà era per la Boldrini

L'imprenditore Duilio Paolino

L'imprenditore Duilio Paolino

Salendo a bordo, però, Paolino ha raccontato di essersi accorto che il sedile che aveva scelto al momento della prenotazione non era stato attribuito ad un portatore di handicap, ma all'ex presidente della Camera.

Il cambio di posto, dunque, c'è stato. Ma non riguardava in nessun modo Laura Boldrini.

Il protagonista, suo malgrado, della vicenda è un imprenditore italiano, Duilio Paolino.

Alitalia: "Il suo posto va a un disabile", ci trova Laura Boldrini insieme al suo staff. Questa la denuncia dell'imprenditore Duilio Paolino, presidente della Cosmo SRL e vicepresidente di Confindustria Cuneo: l'episodio si è verificato la scorsa domenica all'Aeroporto di Fiumicino, con l'uomo che, nonostante avesse pagato l'extra per il posto in prima fila, è stato spostato diciannove file più indietro. "Con grande stupore e arrabbiatura, ho constatato che il mio posto era stato assegnato ad un politico e ai suoi accompagnatori".

Paolino ha invitato una lettera di lamentele ad Alitalia, ma la risposta gli è arrivata da Flavio Alivernini, responsabile della comunicazione della deputata: "Boldrini non è al corrente della vicenda" - ha dichiarato - "e non ha fatto nessuna richiesta di una particolare collocazione a bordo dell'aereo".

Dal canto suo l'ex Presidentessa ha risposto su Facebook: "Nel volo che ho preso da Roma a Genova mi sono seduta a bordo, come è normale che sia, nel posto indicato dalla carta d'imbarco ottenuta con check-in online 24 ore prima del volo Alitalia. Sottolineo, viaggiava senza scorta", ha aggiunto Alivernini. Anche qualcuno ha scritto così. Per una donna è sempre una scommessa rispetto al sessismo e alle volgarità; penso non si possa fare più finta di niente, quindi ho deciso di mettere in atto iniziative simili in altri tribunali proprio per sottolineare che ad un'avversaria politica non si può arrivare ad augurare lo stupro: "questo l'ho visto solo in contesti di guerra, in una democrazia è inaccettabile". "Alitalia di fronte a clienti come il sottoscritto che paga regolarmente il biglietto ed è in viaggio per lavoro, usa questi sistemi per persone che, come ho fatto io, potrebbero sedersi nei posti dove si siedono tutti, visto anche che non pagano (i parlamentari infatti non pagano i voli aerei, n.d.r.)".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.