Reddito di cittadinanza, i requisiti per ottenerlo: reddito sotto gli 8mila euro

Reddito di Cittadinanza, il vicepremier Di Maio: puntiamo su card elettronica, chi lo riceve non potrà spenderlo in gioco d’azzardo

Reddito di Cittadinanza, il vicepremier Di Maio: puntiamo su card elettronica, chi lo riceve non potrà spenderlo in gioco d’azzardo

A tal proposito, il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio ha affidato il compito di "digitalizzare" il reddito di cittadinanza a Diego Piacentini, ex numero due di Amazon e oggi consulente per l'attuazione dell'agenda digitale.

Secondo Di Maio la ragione é "limitare al massimo di spendere i soldi fuori dall'Italia e questo garantirà un gettito Iva e Pil superiore alle aspettative". Il reddito di cittadinanza potrà essere richiesto dai contribuenti che risultano disoccupati o inoccupati, presentano un Isee inferiore ai 6-7.000 euro annui (la soglia non è ancora stata determinata ufficialmente), sono in possesso di un reddito inferiore ai 780 euro mensili e di una residenza da almeno 10 anni nel territorio italiano qualora siano cittadini stranieri.

"Sarebbe l'ideale usare la tessera sanitaria con cip" per l'erogazione del reddito di cittadinanza "ma nel frattempo sarà messa su una carta elettronica". Per stabilire se un cittadino potrà accedere o meno al reddito di cittadinanza probabilmente ci si baserà sull'Isee, cioè il l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente, strumento che misura la condizione economica di una famiglia prendendo in considerazione il reddito, il patrimonio e la composizione del nucleo familiare. Secondo il viceministro "basterà dare il bancomat al fornaio che riconoscerà il codice della tesserina tramite un apposito software e scalerà la cifra dell'acquisto". La carta servirà per pagare beni di prima necessità e dovrebbe essere "destinata al consumo".

PLATEA E FINANZIAMENTI - Sei milioni e mezzo di persone potrebbero beneficiarle.

Il reddito personale deve raggiungere i 780 euro quindi dovrebbe essere erogato per intero a chi parte da zero, mentre per chi ha qualche forma di entrata si tratterebbe di una integrazione. Per evitare abusi il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha dato mandato alla guardia di finanza di mettere a punto un piano specifico di controlli. Dopo il rifiuto di tre offerte, infatti, i cittadini saranno esclusi dal sussidio. Per la riforma si punta ad utilizzare circa 2 miliardi dai fondi europei.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.