Ciclismo ancora sconvolto: morto Jimmy Duquennoy

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE

A soli 23 anni si è spento un ciclista dalle grandi doti, morto improvvisamente nella sua abvitazione di Tournai: è Jimmy Duquennoy, la cui società ha purtroppo confermato il decesso in una triste nota diffusa nella giornata del 6 ottobre.

"Jimmy è morto inaspettatamente venerdì sera a casa sua - fa sapere il team -". Aveva 23 anni. Questo ragazzo era il più gioviale, gentile, aperto dei ragazzi.

Dopo aver iniziato la carriera nel team Color-Code-Aquality Protect, Duquennoy era diventato professionista nel 2016. "L'intera squadra esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia di Jimmy e ai suoi cari".

Cosa è successo? Com'è possibile che il cuore di un giovane sportivo si fermi all'improvviso? Mercoledì era in corsa alla Sparkassen Muensterland Giro, classica tedesca di fine stagione dalla quale si era ritirato. Aveva partecipato anche alla Parigi-Roubaix rimediando, però, una brutta caduta.

" Eravamo insieme, stava bene - ha detto il direttore sportivo della squadra, Frédéric Amorison - E' terribile".

Il ciclismo belga è stato scosso negli ultimi tempi da altre due morti di giovanissimi corridori: il 23enne Michael Goolaerts durante la Parigi-Roubaix e il 22enne Daan Myngheer al Criterium International 2016.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.