Il Papa saluta i vescovi cinesi al Sinodo e si commuove

Le lacrime del Papa: si commuove al primo incontro coi vescovi cinesi

Le lacrime del Papa: si commuove al primo incontro coi vescovi cinesi

I giovani sono sia destinatari di questo annuncio che megafoni. Inoltre è prevista all'interno dei lavori sinodali una giornata aperta a tutti i ragazzi che potranno parteciparvi in Aula Nervi. Mentre, ha detto Baldisseri, "ogni giorno un giovane parlerà all'Assemblea Sinodale con una sua testimonianza" L'intento, cioè, è di non parlare dei giovani per sentito dire: i vescovi vogliono ascoltarli. Il Santo Padre ha voluto invitare i vescovi presenti in Piazza San Pietro che sono arrivati da tutto il mondo, a ricordare le parole di Gesù nel Vangelo di Giovanni e ad avere un atteggiamento aperto, per trasformare le sovrastrutture che separano la Chiesa dai giovani. "Sono stati invitati dal Papa - ha ripetuto il cardinale Baldisseri - e la loro presenza è la conseguenza, non diretta, dell'accordo provvisorio firmato pochi giorni fa". "Anche nel passato la Santa Sede ha invitato vescovi della Cina continentale ma mai erano potuti venire". Al termine dei lavori, nella primavera 2016 il Papa ha pubblicato l'Esortazione Apostolica Amoris Laetitia. "Sono consapevole che un tale turbinio di opinioni e di considerazioni possa aver creato non poca confusione, suscitando in molti cuori sentimenti opposti". "Un' Assemblea ampia e composita - ha osservato il cardinale Baldisseri - un affresco mirabile della cattolicità della Chiesa, in cui si riflettono le sensibilità e risuonano le voci dei diversi continenti e ambiti culturali".

Il Documento finale sarà approvato dai due terzi dei padri Sinodali presenti alla votazione. "Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per una terra sconosciuta che doveva ricevere in eredità, senza conoscere il cammino che gli si apriva dinnanzi".

È un incontro dal sapore fraterno e con toni familiari quello di Papa Francesco, nell'atrio dell'Aula Paolo VI, con i due vescovi cinesi che partecipano al Sinodo, mons. Grazie alle decisioni del Papa nella "Episcopalis Communio, sulla struttura del Sinodo dei Vescovi, questo organismo post conciliare diventa flessibile per la composizione e i tempi di convocazione, e diventa obbligatoria la consultazione popolare preliminare". Francesco dà loro il benvenuto ma poi la voce si rompe, il Papa si ferma commosso; i fedeli a piazza San Pietro lo applaudono. Nella Chiesa, infatti, il fine di qualsiasi organo collegiale, consultivo o deliberativo che sia, è sempre la ricerca della verità o del bene della Chiesa.

"Padri sinodali, la Chiesa vi guarda con fiducia e amore".

"Il Sinodo, dunque, è deputato in certo modo a prolungare nella vita ordinaria della Chiesa il dinamismo benefico del Concilio ecumenico, che nella storia si è costantemente dimostrato un potente fattore di riforma ecclesiale, ma che, per sua stessa natura, è un avvenimento assolutamente eccezionale". Tra le parole chiave di questo sinodo c'è anche il discernimento accompagnato alle scelte vocazionali. "Questo - commenta il giurista Mario Castellano esperto sull'America Latina - non era stato neanche teorizzato in precedenza". Per quanto invece riguarda la dottrina, si riconosce che il Sinodo ha già dato 'impulso al successivo magistero pontificio'. "Questo conferma 'a contrario' la novità introdotta in materia di attribuzione dell'esercizio del potere nella Chiesa". "Vi è poi - spiega lo studioso - una ulteriore conferma della trasformazione della Chiesa in senso 'parlamentare', laddove si afferma che 'ciascun Vescovo possiede simultaneamente e inseparabilmente la responsabilità per la Chiesa particolare affidata alle sue cure spirituali e la sollecitudine per la Chiesa universale'". La nostra Costituzione stabilisce che ciascun membro del Parlamento rappresenta l'intera Nazione.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.