Supercoppa, la Sir crolla in semifinale con Trento

Lorenzo Bernardi tecnico della Sir Safety campione d'Italia

Lorenzo Bernardi tecnico della Sir Safety campione d'Italia

Un 3-0 in un'ora e quaranta di gioco che non può trovare giustificazioni negli importanti cambi, in entrata e in uscita, effettuati in estate dalla società del patron Sirci. Giannelli apre le danze autoaccusandosi in un momento della partita in cui quel punto non avrebbe fatto la differenza, il suo compagno di squadra Candellaro fa esattamente l'opposto sul match point del terzo set chiuso ai vantaggi da Trento e che avrebbe consegnato il punto nelle mani della Sir. I Block Devils provano ad aggrapparsi all'opposto Atanasijevic (15) ma nulla hanno potuto contro una Trento intenzionata a puntare alla vetta in questa stagione appena iniziata.

Il benvenuto in Italia a Wilfredo Leon lo da Simone Giannelli, primo attacco del neo polacco e muro stampato dal regista italiano che mette subito un freno alla partita dello schiacciatore ma non solo, una prestazione mostruosa di Jenia Grebennikov fornisce alla squadra di Lorenzetti la tranquillità di poter gestire la partita dall'inizio alla fine. E' un incontro tra ex palleggiatori quello andato in scena nel tardo pomeriggio di Perugia, con Bruno adesso in maglia biancorossa e Christenson a strisce gialloblù.

Leon mette a segno il primo punto in attacco ed è 8 pari. D fatto però lo spettacolo di certo non deluderà le attese: la posta in palio, lo storico, l'emozione di vedere finalmente in campo i propri beniamini e il valore dei protagonisti chiamati in campo rendono infatti questo match tra Perugia e Trento davvero eccezionale. Nuovo break ospite con l'attacco out di Lanza (13-16).

Siamo nel corso del secondo set di Perugia Trento, gara valida per la semifinale della Supercoppa 2018 di Volley.

Ancora muro vincente su Leon e Trento è di nuovo a + 3: 10 - 7. Il set finisce 25-18 con un errore al servizio di Holt.

Atanasijevic murato, ma la palla si insacca dalla parte di Trento che passa a condurre 17 a 16. Perugia accorcia un po' sfruttando il turno al servizio di Leon (20-23), ma non basta. Kovacevic con 16 punti è stato il top scorer di serata.

Ancora Kovacevic chiude tra il muro e la rete dalla parte di Perugia e porta i suoi al massimo vantaggio: 18 - 14.

Ricci porta Perugia a - 3: 23 - 20 Trento.

ARBITRI: Goitre di Torino e Simbari di Milano. La Lube? Balbetta troppo in tutti i fondamentali (in attacco solo 19%, contro il 63% dei padroni di casa), regala ben 11 punti alla formazione di Bernardi e soprattutto non riesce a risalire la china neppure quando Medei sceglie tatticamente di cambiare la diagonale d'attacco, inserendo D'Hulst e Sokolov, con il bulgaro in prima linea.

Dall'altra parte della rete la rinnovatissima Itas Trentino di coach Lorenzetti con capitan Giannelli in cabina di regia a guidare i nuovi acquisti Grebennikov, Lisinac, Candellaro e Russell. N.e.: Daldello, Codarin, Cavuto, De Angelis (libero). All.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.