Salvini: sanzioni Russia assurdità ma Italia è in Ue e Nato

Salvini da Mosca guarda a una nuova Europa 'unione di territori sovrani', e inclusiva della Russia

Salvini da Mosca guarda a una nuova Europa 'unione di territori sovrani', e inclusiva della Russia

E ha aggiunto: "Vengo qui gratis perché penso che le sanzioni" contro la Russia "siano una follia economica, sociale e culturale".

"In Russia mi sento a casa mia, in alcuni Paesi europei no".

"In Europa c'è chi dice che vogliamo spaccare l'Unione Europea ma non è vero: noi vogliamo un'Europa forte che difende propri interessi e non gli interessi imposti da fuori" ha detto il vice ministro degli Esteri Alexander Grushko aprendo i lavori dell'assemblea generale di Confindustria Russia alla quale partecipa il vicepremier italiano Matteo Salvini. Più che con le sanzioni, i problemi si risolvono con il dialogo: nelle sue parole c'è, incredibilmente, voglia di distensione.

"Buona giornata Amici, in partenza per Mosca per incontrare centinaia di imprenditori italiani che resistono, nonostante tutto e tutti - ha scritto Salvini su Facebook -". In platea Dmitry Kozak, vicepresidente del governo della Federazione Russa. Poi l'affondo contro le lobby Ue troppo legate alla finanza e lontanissime dal popolo: "Sono più propenso a pensare che i lobbisti di Bruxelles non possano sopportare la nostra presenza nel governo". Salvini non si sbilancia nell'anticipare cosa risponderà ma assicura che sta valutando l'ipotesi: "In questo periodo tra manovra, Europa, migranti, non ho avuto tempo e modo per valutare la proposta".

Il leader della Lega potrebbe avere un ruolo di primo piano alle prossime elezioni europee. Mentre i tanti avvoltoi che sorvolano i cieli della finanza parlano di una catastrofe imminente - ma "questo riguarda solo i loro interessi personali" - per le nazioni europee ci sarà invece un'"opportunità senza precedenti di creare una nuova Unione", che sarà principalmente un'"unione di territori sovrani", basata sui principi della democrazia, e non sugli interessi di una "minoranza di speculatori finanziari, come prima". E non si sognino di mandarci commissari, trojke, padroni o padroncini.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.