Mondiali di volley, impresa storica della nazionale: le azzurre in finale

Mondiali Volley femminile: l’Italia vola in semifinale

Mondiali Volley femminile: l’Italia vola in semifinale

Questa medaglia d'argento segna un risultato inaspettato e la base di partenza per la costruzione di un futuro che possa svolgersi nel segno di una positiva continuità sportiva.

4° SET - La Serbia pareggia nuovamente con un set quasi perfetto.

Nella finale iridata le ragazze di Davide Mazzanti affronteranno le campionesse europee della Serbia, oggi vincitrici 3-1 sull'Olanda.

Sarà una gara molto equilibrata nella quale le azzurre dovranno sfoderare il miglior gioco possibile. Sarà la seconda finale Mondiale per le azzurre, dopo quella vinta nel 2002.

Lo sport italiano entra nella storia mondiale non solo con il calcio, questa volta è il Volley femminile a regalare emozioni grandissime a tutta la nazione che ora attende con trepidazione l'evento finale, quello che decreterà la vincitrice del titolo più importante al mondo. Il mondiale si gioca al tie break. Qui s'innesca un emozionante testa a testa, che vede lo scambio decisivo sul 13-12 per la Serbia: uno scambio lunghissimo, un flipper impazzito che premia le serbe e manda al tappeto le azzurre. Al time out tecnico si va con la Serbia sul +5: bisogna reagire, per evitare il pareggio. Finisce 25-14 e si torna in parità: 1-1. E l'Italia si fa trovare pronta a lottare punto a punto.

Sfiorare il sogno della vittoria mondiale adesso è possibile. "Cercheremo di individuare delle situazioni per metterle in difficoltà" sono le parole di mister Mazzanti. Le azzurre sono un rullo compressore si portano sul 12 a 8. Deludente la prestazione delle ragazze di Mazzanti nel quarto set. Ma il cuore delle azzurre è immenso e trova in Anna Danesi punti vitali, anche con il servizio.

Le cinesi si rifanno sotto fino al 22 a 21. Ma un parziale di sei punti consecutivi ci porta sul 12-6. Partita meravigliosa 24 pari.

Il mio è stato un anno veramente particolare, ho subito diversi infortuni e prima ancora la vicenda del doping, non avrei mai pensato dodici mesi fa di vivere un Mondiale da protagonista. Le cinesi si riportano sul 26 pari.

Terzo set point per la Cina 29 a 28. Sylla avrebbe l'occasione di portare le sue compagne sul 13 pari, ma l'ennesima difesa serba annulla la sua schiacciata. La Cina scappa, Zhu ci fa male, Sylla non sempre è precisa.

Set decisamente equilibrato, siamo 3 a 3. Di nuovo parità: 7 a 7. "Abbiamo dato tutto, sapevamo benissimo che sarebbe stata dura e che la Cina non ci avrebbe regalato niente" ha detto Cristina Chirichella. Il muro italiano non sembra così impenetrabile come contro la Cina.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.