S&P conferma il rating dell’Italia. Conte: evitiamo una stretta recessiva

L'aula della Camera dei deputati in parlamento

L'aula della Camera dei deputati in parlamento

L'agenzia S&P non declassa l'Italia, conferma il rating 'BBB' e abbassa l'outlook, portandolo da stabile a negativo. "Prevediamo che resti fermo agli attuali livelli elevati del 128,5%" spiega Standard & Poor's, secondo la quale il piano di bilancio del governo rappresenta un'inversione rispetto alla precedente strada intrapresa di risanamento di bilancio e questo "indebolira' probabilmente la posizione di bilancio dell'Italia e le sue prospettive economiche". Inoltre l'Italia, per l'agenzia, non continuerà il cammino di riduzione del debito. Per il 2019 S&P stima un deficit al 2,7% rispetto al 2,4% indicato dal governo.

Standard & Poor's rivede al ribasso le stime di crescita per l'Italia all'1,1% per quest'anno e il prossimo, afferma l'agenzia di rating, precisando che in precedenza aveva previsto una crescita dell'1,4% per tutti e due gli anni.

L'agenzia definisce poi i target di crescita del governo "eccessivamente ottimistici", il che potrebbe avere come conseguenza il fatto di aver calcolato per il 2019-2021 entrate fiscali più ampie. Parla anche del cambio della legge Fornero, che "minaccia i conti pubblici".

- INVESTIMENTI: Il governo ha adottato la flat tax per incoraggiare gli investimenti. Ciò a sua volta sta influenzando negativamente l'accesso delle banche al finanziamento del mercato dei capitali e, in misura minore, i loro coefficienti patrimoniali regolamentari.

"L'outlook negativo indica che potremmo abbassare i rating sull'Italia entro i prossimi 24 mesi se: la crescita del PIL reale ha materialmente sottostimato le nostre aspettative; i disavanzi delle amministrazioni pubbliche e il debito pubblico netto in percentuale del PIL superano significativamente le nostre previsioni" si legge nel rapporto. "In Italia non saltano né banche né imprese".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.