Torino, tensione tra attivisti 'No Tav' e imprenditori: approvato odg "No Tav"

ANSA
					Dalla valle Susa a Roma continuano le tensioni sulla Tav

ANSA Dalla valle Susa a Roma continuano le tensioni sulla Tav

Di Maio continua a proclamarsi contrario alla Tap, mentre il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti dice che "le cose che devono essere fatte si fanno". Una scelta che farebbe indossare al capoluogo piemontese, storico baluardo del Sì, la maglia dei "No Tav". Tav e Terzo Valico "sono fondamentali e interconnesse - scrivono -". Prende decisamente posizione Confindustria, in occasione del consiglio comunale di Torino che lunedì 29 ottobre vota in merito al progetto e alla prosecuzione dei lavori per il collegamento ferroviario ad alta velocità tra Torino e Lione. Un gruppo sventola bandiere No Tav: e grida slogan: "La Valsusa non si abusa".

TORINO La maggioranza del consiglio comunale ribadisce il suo no alla Torino-Lione e spacca la città: dentro e fuori il municipio va in atto un dialogo tra sordi. Anche se il Movimento 5 Stelle lombardo contesta anche quest'opera: "Eh sì, sono proprio visioni politiche diverse - rimarca Fontana -".

E così si arriva pure al paradosso della giustificazione di Barbara Lezzi che, tirata in ballo da tutte le parti, ha pubblicato un video per giustificare il via libera al gasdotto in Puglia sostenendo l'assurda tesi di Di Maio, sul fatto che i 5 Stelle non sapessero dell'esistenza di un atto pubblico approvato nel 2013, ed un'altra ancora più assurda che incolpa il Pd di non aver impedito l'esecuzione di un'opera che lo stesso Pd aveva tenacemente voluto e sostenuto. Un volantinaggio a cui si unirà anche la Fim.

"Mi spiace per quanto accaduto, ma ci sono delle regole". "Si erano sbilanciati a favore dell'opera". Si tratta di luddismo ideologico. Un asse decisivo per le esportazioni italiane: la Francia è il secondo paese di allocazione del nostro export e il flusso di merci che attraversa il traforo autostradale del Frejus è già oggi superiore ai livelli precrisi e secondo solo al traffico del Brennero (e più di ciò che dall'Italia transita attraverso i valichi della Svizzera). Uomini e retroscena della Terza Repubblica'. Lo studio dei costi benefici è sempre in primo piano. "Mi auguro che l'ordine del giorno contro la Tav venga respinto o non sia messo al voto". Gli imprenditori e i lavoratori allibiti stanno a guardare (ma forse non per molto).

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.