Merkel, verso la fine di un'era: addio alla politica nel 2021

Angela Merkel annuncia il suo addio alla guida della CDU e alla guida del governo una volta concluso l'attuale mandato

Angela Merkel annuncia il suo addio alla guida della CDU e alla guida del governo una volta concluso l'attuale mandato

I partiti di massa che hanno segnato la politica tedesca del secondo dopoguerra sono in evidente crisi e si sono rafforzati i partiti minori (Verdi, Linke, liberali, AfD e Freie Wähler).

Uno dei fattori che ha giocato contro la CDU/SPD e a favore dei Verdi è stato il dieselgate. Anche se il governo attuale cadesse, per il ritiro della Spd, Angela Merkel comunque non si ricandiderebbe: "Questo l'ho escluso", ha confermato rispondendo a una domanda dei giornalisti.

Sembrava impossibile poter scrivere una notizia simile fino a pochi giorni fa, ma poi Angela Merkel, 64 anni ben portati, capo indiscusso da 18 anni della Christian Democratic Union, meglio nota come CDU, fondata nel giugno del 1945 e che fino a poco tempo fa poteva vantare 580mila iscritti (oggi non si sa), ha annunciato che lascerà la politica alla scadenza del suo mandato nel 2021. "Ero un cittadino della Repubblica araba dello Yemen dove, bisogna precisare, mi sono recato per la prima volta solo 10 anni dopo", scrive sul suo sito. È proprio per recuperare consensi che la Spd, precipitata ai minimi storici su scala federale, potrebbe uscire dalla Grande coalizione dopo il voto in Assia.

Prima donna alla guida dei conservatori tedeschi, prima donna cancelliere, prima donna dell'Est a ricoprire entrambe le funzioni, l'era Merkel è stata una rivoluzione. Sia se diventerà il nuovo governatore, sia se l'esito elettorale lo porterà a essere decisivo per la formazione del nuovo governo regionale, si tratterà di un risultato sorprendente per un responsabile di origine araba in un periodo di enorme ascesa dell'estrema destra. Alcuni esponenti di punta della Cdu le avrebbero inoltre chiesto di candidarsi alle elezioni europee del maggio 2019, o di accettare un ruolo all'interno delle future nuove commissioni; la risposta parrebbe per ora un freddo "Nein Danke". Per un altro esponente dell'Unione cristiano-democratica, Volker Bouffier (Cdu), presidente dell'Assia dal 2010, "deve rimanere, altrimenti tutto può cambiare". "Non sono nata cancelliera", ha concluso la Merkel. E ancora: "Non sono nata cancelliera e ho sempre assolto il mio incarico con dignità". Hanno strappato voti alla Spd come anche alla Cdu ma non possono sostituire i due grandi partiti popolari.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.