Più giovani senza lavoro, crollano i contratti stabili

Istat, a settembre la disoccupazione risale al 10,1% e calano gli occupati

Istat, a settembre la disoccupazione risale al 10,1% e calano gli occupati

Gli occupati sono 23.308.000.

Sempre contrastanti anche i dati sulla disoccupazione giovanile che solo nel mese di settembre è risalita ad un desolante 31,6%. Sulla vicenda si è espressa la democratica Maria Elena Boschi, che attraverso Twitter ha scritto ironica: "Primi effetti del decreto dignità, eravamo scesi sotto il 10% e oggi invece la disoccupazione torna a salire". Lo rileva l'Istat. Dopo la crescita registrata ad agosto si ha un calo del tasso di occupazione, al 58,8%.

Le persone attualmente alla ricerca di un lavoro sono 2 milioni e 600mila, con un aumento di 81mila persone, equivalente a 3 punti percentuali, rispetto al mese di agosto di quest'anno; il tasso di disoccupazione è però in diminuzione rispetto al mese di settembre del 2017. L'Istituto di statistica europeo, inoltre, stima che per i 28 Paesi dell'Unione, a settembre, la disoccupazione è stata del 6,7 percento, con valori stabili rispetto ad agosto, in calo rispetto a settembre 2017 e ai minimi dal 2000.

"L'andamento discontinuo dell'occupazione negli ultimi mesi", nota l'Istat, "determina nel terzo trimestre una sostanziale stabilità rispetto al trimestre precedente".

A settembre gli occupati diminuiscono di 34.000 unità su agosto (-0,1%) mentre su settembre 2017 sono in aumento di 207.000 unità. Ma il numero che ci interessa di più è il dato sugli occupati, diminuiti di 34 mila unità su agosto (-0,1%). Nei 12 mesi, a fronte della crescita degli occupati, si stima anche un forte calo dei disoccupati (-9,9%, pari a -288mila) e una lieve diminuzione degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,1%, -19mila). Rispetto a settembre 2017 il tasso di disoccupazione cala di 0,9 punti per gli uomini e di 1,3 punti per le donne. Tra i due mesi, infatti, se ne contano ben 77 mila in meno, che portano i dipendenti a tempo indeterminato a essere 184 mila in meno nel confronto con settembre dello scorso anno. L'Istat stima una netta diminuzione dei dipendenti permanenti (-77 mila) mentre aumentano sia quelli a termine (+27 mila) sia gli indipendenti (+16 mila). Il tasso di inattivita' aumenta per tutte le classi di eta' ad eccezione dei 50-64enni.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.