Midterm Usa, nel cielo democrat non è nata una stella

Ticinonline - Midterm: i democratici conquistano la Camera

Ticinonline - Midterm: i democratici conquistano la Camera

La grande e fondamentale domanda che riguarda Trump, se lui sia un accidente storico oppure un rappresentante fedele della metà degli americani, ha trovato la sua risposta definitiva (per chi non l'avesse già capito da tempo). Trump è qui per restare e incarna alla perfezione il suo elettorato, lo ama e ne è ricambiato.

È ufficiale: i democratici hanno riconquistato il controllo della Camera Usa dopo otto anni. Rovesciata la proporzione al Senato, secondo i dati pubblicati dalla CNN, con i repubblicani in vantaggio per 51 (uno in più rispetto ai 50 che servono per avere la maggioranza) a 45. Così da molti commentatori sono state analizzate le elezioni di Midterm avvenute questa notte negli Stati Uniti. In tutto la Camera ha così 207 democratici contro 190 repubblicani. D'altra parte, il risultato migliore del previsto del partito del Presidente in Senato e nelle corse per i governi degli stati anticipano un elemento da non sottovalutare: se vorranno avere la maggioranza in entrambi i rami del Congresso, i democratici, nel 2020 dovranno compiere una vera e propria impresa. "Solo cinque volte negli ultimi 105 anni - afferma Stein nella dichiarazione riportata da Trump - un presidente in carica ha vinto seggi al Senato nelle elezioni midterm". C'è poi un risultato che viene dai referendum, con tre Stati - Nebraska, Idaho, Utah - che hanno approvato l'estensione della copertura Medicaid - e un quarto stato - il Kansas - che ha eletto un governatore democratico, al posto di un repubblicano che si era schierato contro l'espansione dell'assistenza sanitaria.

Anche in Indiana il repubblicano Mike Braun è avanti di dieci punti sul democratico Joe Donnelly per il Senato. Nel primo caso Beto O'Rourke, l'Obama bianco, astro nascente del partito, ha sfiorato l'impresa ma ha dovuto cedere il passo a Ted Cruz, perdendo al fotofinish. Figlia di immigrati dalla Palestina, è la prima donna musulmana ad essere eletta al Congresso americano, nel suo distretto per la Camera in Michigan. Anche per quanto concerne i Governatori oggi le donne hanno raggiunto numeri da record. "Io governo, tu pensa alla Cnn", ha proseguito il presidente cominciando a passeggiare nervosamente avanti e indietro, mentre il personale della Casa Bianca cercava di togliere il microfono al giornalista.

La Casa Bianca ha minimizzato i risultati del voto e più che di un'onda blu dei dem ha parlato di "un'increspatura", sottolineando come l'agenda del presidente non cambierà. Menendez ha battuto il repubblicano Bob Hugin. E' la proiezione dei media americani. La Camera peraltro ha dei poteri ispettivi che - anche senza arrivare alla richiesta di impeachment per il Presidente - può mettere in difficoltà l'Amministrazione. "Non celerò niente in questo possente tomo", si legge nella didascalia che accompagna un enorme uomo peloso con le parti intime coperte da un ritaglio di censura.

Conferme afroamericane - La 42enne Ayanna Pressley sarà la prima donna nera a rappresentare il Massachusetts al Congresso, per i democratici.

Nello stato di New York riconfermato governatore il democratico Andrew Cuomo.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.