Di Maio, menzogne. Pubblico tutto - Politica

Video della Boschi a padre di Di Maio: «Spero non viva quello che ha vissuto mia famiglia»

Video della Boschi a padre di Di Maio: «Spero non viva quello che ha vissuto mia famiglia»

E se non sapeva nemmeno questo cominciano ad essere parecchie le cose sulle attività del padre che il vicepremier non conosce.

"Come promesso, pubblico i documenti che dimostrano l'assunzione nell'azienda di mio padre e le relative buste paga per il periodo di lavoro". Nel documento i parlamentari Pd hanno sottolineato anche che "sono stati segnalati altri tre casi di operai, Salvatore Pizzo, 'Giovanni' e 'Stefano', che dichiarano di aver lavorato presso la medesima azienda in 'nero' o in condizioni di irregolarità contrattuale e contributiva".

Sul Corriere della Sera di mercoledì 28 novembre sono riportati particolari sinora inediti sulla questione della causa intentata da Domenico Sposito contro Antonio Di Maio, il padre del vicepremier. "A dimostrazione ulteriore che i fatti denunciati non riguardano il periodo in cui sono socio dell'azienda".

Tra i testimoni portati da Sposito c'è anche Salvatore Pizzo, ma l'istanza di Sposito viene respinta dal giudice del lavoro l'8 gennaio del 2016, quando da due anni è Luigi Di Maio il proprietario della società insieme alla sorella.

Il Movimento 5 Stelle ha difeso il ministro, sostenendo, in una nota congiunta dei capigruppo, che queste notizie hanno l'obiettivo di "mettere in discussione la rettitudine di Luigi Di Maio" e altro non sono che "accanimento mediatico".

Altro interrogativo: perché il vicepremier non ha chiesto al padre se quello di Salvatore Pizzo fosse l'unico caso di lavoratore a nero? La curiosità nasce da vecchie rivelazioni dello stesso Di Maio, "spesso il ministro ha raccontato di aver lavorato d'estate in azienda". Nell'interrogatorio Antonio Di Maio assicura che il rapporto era regolare.

Ma "se volete" aggiunge "iniziamo a parlare degli affari di babbo Renzi con Verdini, o delle multe ricevute da babbo Boschi da Bankitalia o delle sue frequentazioni pericolose...". "Dalla documentazione patrimoniale di Di Maio depositata alla Camera - hanno scritto i deputati Pd - emerge la titolarità di una partecipazione nella società Ardima srl; tuttavia, da tale documentazione, dalla suddetta partecipazione non risultano derivare redditi". Parole che vengono accolte positivamente dalla maggior parte dei suoi follower che non solo plaudono a Di Maio ma che allo stesso tempo se la prendono con il giornalista delle Iene, che ha denunciato la vicenda, attaccandolo così: "Ora vai ad allacciare le scarpe e portati Berlusconi, Renzi, Boschi e tutti i parassiti che hanno sempre fatto i loro porci comodi". Che poi ha concluso: "L'ipoteca da 172mila euro?"

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.