Istat, tasso di disoccupazione ottobre sale a 10,6%: +0,2% su settembre

Rileva l'Istat che il tasso di occupazione, pari al 58,7%, non fa registrare variazioni congiunturali. Va meglio ai ragazzi tra i 15 e i 24 anni dove il tasso di occupazione è arrivato al 17,6%, in lieve crescita sia sul mese (+0,1 punti) e sull'anno (+0,3 punti). L'aumento della disoccupazione si distribuisce su entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età. La diminuzione coinvolge uomini e donne e si distribuisce in tutte le classi di età ad eccezione dei 25-34enni. Il tasso di disoccupazione giovanile aumenta lievemente e si attesta al 32,5% (+0,1 punti).

Se si guarda al trimestre agosto-ottobre il tasso di disoccupazione è diminuito di 0,2 punti sul trimestre precedente - rileva l'Istat -. Nel mese si nota anche una ripresa dei lavoratori dipendenti permanenti a fronte di un calo di quelli a termine e dei lavoratori indipendenti.

Nel trimestre crescono i dipendenti a termine (+62 mila) e calano sia i permanenti (-64 mila) sia gli indipendenti (-38 mila).

Nell'arco del trimestre al calo degli occupati si associa quello dei disoccupati (-2,5%, pari a -70.000) mentre risultano in aumento gli inattivi (+0,4%, +56.000).

Su base annua, l'occupazione cresce dello 0,7%, pari a +159.000 unità. L'espansione interessa uomini e donne e si concentra fortemente tra i lavoratori a termine (+296 mila); sostanzialmente stabili gli indipendenti, mentre si registra un'ampia flessione dei dipendenti permanenti (-140 mila). Nell'anno aumentano principalmente gli occupati ultracinquantenni (+330.000) e, in misura più contenuta, i 15-24enni (+20.000), mentre calano i 25-49enni (-190.000).

Ai fini della elaborazione delle statistiche sull'occupazione l'Istat divide la popolazione in età da lavoro, che convenzionalmente è quella compresa tra 15 e 64 anni di età, in tre gruppi, gli occupati, i disoccupati e gli inattivi. A ottobre 2018, ha detto Eurostat, il tasso dei senza lavoro nella Ue a 28 era del 6,7%, inferiore rispetto al 7,4% di un anno prima. La variazione acquisita per il 2018 è pari a +0,9% (+1% nei dati provvisori). A ottobre sale al 10,6% (+0,2 punti percentuali su base mensile).

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.