Brexit, il Parlamento chiamato a votare l’accordo tra la May e Bruxelles

Brexit deputati voteranno piano May il 15 gennaio

Brexit deputati voteranno piano May il 15 gennaio

Dal report si evince che, oltre un terzo degli intervistati (34%) ritiene che ci sarà un incremento delle attività di M&A nel settore del fund management, trainato dai fund manager europei che intendono acquisire società con sede nel Regno Unito per aver una presenza sul mercato locale una volta conclusa la Brexit. A breve ci sarà il voto di ratifica sull'accordo proposto dal governo riprogrammato per martedì 15 gennaio. May - che ha in programma in settimana nuovi contatti con il presidente della commissione europea, Jean-Claude Juncker, dopo i colloqui natalizi avuti con Angela Merkel e coi leader d'altri Paesi Ue - ha quindi riassicurato che la Brexit significherà la fine del "versamento di vaste somme di denaro" a Bruxelles.

La May appare dunque sempre più isolata e con le spalle al muro, dovesse vedersi ancora rifiutata la sua proposta di Brexit dai rappresentanti del Parlamento britannico, la sua leadership diventerebbe sostanzialmente insostenibile. L'opposizione l'ha accusata di stare perdendo tempo prezioso.

Intanto arrivano rassicurazioni da Bruxelles su Brexit.

Appena i dati che riguardavano il risultato del referendum sono stati definitivi la sterlina è stata la prima a subire conseguenze, perdendo terreno sui mercati finanziari e anche se piano, piano la valuta si è stabilizzata gli effetti negativi dovuti a questa decisione potrebbero ripresentarsi, anche in maniera più forte. "E speriamo che questo aiuti a far passare l'accordo" a Westminster.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.